giovedì 8 ottobre 2009

IL PREZZO DELLA BELLEZZA
















Le mensole del bagno, anche se belle ampie, sono un accatastarsi di prodotti di bellezza. Non sono convinto fino in fondo della loro efficacia, ma mi crogiolo nell’illusione che lo siano. Insomma, ben lungi dall’essere un’ossessione, preferisco parlare di vezzo, tenera civetteria, ponendomi a metà strada tra Nivea (tanto varrebbe lavarmi la faccia con la polvere di alluminio che si accumula nei cantieri) e Sislei (per la quale non basterebbe lo stipendio mensile di un operaio di quel cantiere per acquistarla).
Per evitare pubblicità gratuita, eviterò di riportare il nome dei prodotti che adopero (pur ricordando ai produttori che sono sempre disposto ad offrirmi come testimonial). Dirò solamente che il tonico che uso ogni mattina era quasi finito. Quindi, stamani, vado nella farmacia sotto casa che è grande quanto un negozio Ichea e che di conseguenza è il paradiso per gli ipocondriaci del mio quartiere.
Mi guardo intorno e punto verso il bancone della BEEEPP. Cerco il mio tonico ma non lo trovo. Mi giro e vedo la dottoressa Possoesserleutile? Che mi guarda e mi sorride.
“Si cercavo il tonico della PPPEEPPPP”.
“Perché usa quel tonico?”, mi chiede socchiudendo l’occhio come una lince e scrutandomi il viso, avvicinandosi a 3 centimetri dalla mia pelle. Lei scuote la testa ed io provo l’imbarazzo di chi viene giudicato per essersi presentato ad un ricevimento indossando l’abito sbagliato.
Poi, mi afferra per un polso e mi porta davanti ad un macchinario con lo schermo. Prende una sonda dalla vaga forma fallica e mi tranquillizzo solo quando la punta verso la mia fronte. “Mi scusi ma voglio vedere la sua pelle di che tipo è, perché…mi…pare…” e si interrompe. Ho fatto da poco le analisi dell’hiv e, in confronto, giuro, ho provato meno ansia. “Le “pare”, come!? Per tutte le pelli, parli!!”, penso terrorizzato.
Mentre sullo schermo scorrono le immagini della mia epidermide ingrandita 70 miliardi di volte che me la fanno apparire come una palude disseminata di arbusti mi inizia a parlare di sebo, macchie rosse, verdi e blu, rivelatrici di secchezza da una parte e di eccessiva idratazione dall’altra.
“Come sospettavo”, mi dice senza distogliere lo sguardo dallo schermo. “Lei ha la pelle mista”.
La cosa non mi è nuova ma detta da lei, con quel tono, assume sfumature che gettano oscuri presagi di morte sul futuro del mio derma.
Continua a toccarmi la pelle della faccia: “Tu prendi molto sole, vero? Perché sulle guance la pelle si vede che è più sottile”.
Io rispondo che in verità, quest’anno, sarò andato al mare massimo 10 volte e sempre con creme fattore protettivo: scafandro da palombaro. “Allora ne devi aver preso molto da piccolo”. Ha l’insistenza della cartomante quando il cliente non conferma le sue predizioni. “Sarà…”, taglio corto per non entrare in polemica.
Da quel momento in poi parte a razzo, con i propulsori che bruciano ettolitri di benzina al secondo.
Io vengo investito dalle sue parole e aspetto un momento di pausa, che so, mentre riprende fiato, e poterle dire che voglio solo il mio tonico della BBBEEEPPPP.
È impossibile. Irrora i polmoni d’aria con delle branchie perché altrimenti non c’è spiegazione ad un monologo di 15 minuti durante i quali il mio atteggiamento passa però da scettico, a vagamente interessato a definitivamente sedotto.
“Ma allora io ho sempre sbagliato ad usare quei prodotti?!”, chiedo terrorizzato.
“Ma possiamo rimediare”, mi dice con complicità. Io neppure i testi delle canzoni della Spiers riesco a sciorinare con altrettanta padronanza e conoscenza quanto lei fa con i nomi dei prodotti, conoscendo per ognuno le percentuali di silicio, tormalina, sali minerali e alcol. Se lei è solo una semplice farmacista ed è così preparata non oso immaginare la sapienza che si annida nelle menti dei premi nobel per la chimica!
Ancora 5 minuti e la scena seguente vede me, chino sul bancone, che prendo appunti.
“Quindi”, le faccio chiedendo conferma, “il detergente della BBBEEEEPPPP, solo la mattina. Questo esfoliante, solo la sera ma a giorni alterni, riducendo l’applicazione con il sopraggiungere del freddo (promemoria: acquistare un barometro per verificare l’arrivo definitivo della bassa pressione) e solo nelle settimane di luna crescente. Giusto?”.
Lei sembra molto soddisfatta della prometeica missione appena compiuta. E anche quando poi, a chiusura, le chiedo delle semplici striscette depilatorie per il viso, anche su quelle, lei è l’esperta mondiale. E altri 10 minuti partono per spiegarmi come usarle per evitare che mi rimangano macchie scure sul viso che, per altro, lei ha già notato.
Alla fine, il lettore ottico conta: un latte detergente che sostituirà il mio sapone microesfoliante, un nuovo tonico più delicato del mio che, a suo dire va bene per sgrassarci il motore dello scuter, riequilibrante per la zona T e le striscette depilatorie. Mentre esco dalla farmacia, mi sembra di sentirla dire al collega “incredibile come la gente ancora abbocchi a ‘ste stronzate!”, ma forse è solo frutto della mia fantasia. Ricontrollo lo scontrino: beh, questa roba non è proprio a buon mercato.
Però, mi ha anche regalato due prove di una crema che dice faccia miracoli, quindi, cerco di rincuorarmi come farebbe chi riceve in omaggio una bicicletta montan baic con 14 marce dopo aver speso l’ira di dio per una batteria di pentole in acciaio.

27 commenti:

Anonimo ha detto...

Scusa Insy, con tutta la stima ma...CHE BOCCALONE :-D
Eli (P.S. mia sorella lavora per un'azianda cosmetica: ho la casa piena di prodotti di tutti i tipi...una crema per il viso che in farmacia costa 80€, io la uso gratis :-P )

Enrico* ha detto...

Si Eli, bella forza...
Tutte le volte che entro in farmacia/profumeria, il mio bancomat sfonda la tasca del portafogli per scappare a gambe levate!!

masmassy ha detto...

Ho un solo prodotto di bellezza. E non nasce con la funzione di crema facciale. Non è uno scherzo, ma forse lo sai già.

Butta via tutto e spendi 7 Euro. La Preparazione H è l'unguento più miracoloso che possa esistere: elimina i punti neri, tira la pelle, toglie le pesche ed è un antirughe formidabile in quanto nasce appunto per spingere qualcosa a posto. Fìdati!

pinowiz ha detto...

ah... vanité oblige!

pinowiz ha detto...

@masmassy: stai scherzando vero? :o)
già ti sento vantartene sgomitando coi tuoi amici
"sai quanti ne convinco? co' sta storia dello spingere qualcosa a posto..."

massarosa ha detto...

@masmassy: io la crema per le emorroidi la uso contro gli occhi gonfi dopo le mie seratacce, e funziona davvero, ma antirughe non sapevo!!
Per il mio viso uso la crema da supermercato, quella che pubblicizza la Cuccarini, è veramente al pari di molte creme di marca che costano uno stonfo, con 9€ me la cavo!

eppifemili ha detto...

FORZA E CORAGGIO!!
la prossima volta però cambia farmacia!!!

Gipris ha detto...

Fai come me: Ipercoop. Nessuno ti caga...

Anche se, alla mia tenera età, posso ancora permettermi solo un idratante e basta hihihihi :)

ilgentuccogrovacca ha detto...

Ma solo io sono ossessionato dai campioncini gratuiti di quei prodotti talmente costosi che, quando poi provi ad usarli, ti rendi conto che li puoi applicare al massimo su mezzo punto nero??????? Ma dico io, se vuoi convincermi a svenarmi ( o a battere) e comprare il prodotto, fammelo testare almeno su 1/4 di guancia no?

Anonimo ha detto...

la mia pelle fa schifo..piena di macchie solari e rughe...totalmente avvizzita. sinceramente preferisco prendere il sole come antidepressivo piuttosto che credere nelle creme miracolose. anche perchè è scientificamente provato che non esistono creme che riescano ad arrestare l'invecchiamento cutaneo. c'è un'unica verità: invecchieremo, faremo schifo, e avremo un viso osceno...mettiamocelo bene in testa!!
le uniche volte che ho comprato una crema doposole, ho cercato di non spendere più di 5 euro.

mr scrotociclosi

Java ha detto...

io in tutta sincerità, mia usato creme ma solo per pigrizia. il mio compagno C. sta cominciando a farmele usare, ma sono decisamente restio. Ho il vantaggio di avere una pelle giovanile di DNA, ma tanto tra poco comincerà a crollare pure quella, ehehehe!

Portinaio ha detto...

Moira Orfei ha appena detto in TV che usa solo un chilo di crema! :-P

Macsi ha detto...

E si vede che la assorbe tutta.

Morgana ha detto...

:) non vorrei rovinarti la giornata ma avendo sperimentato su me stessa credo tutti i prodotti possibili e immaginabili della terra ti assicuro che quelli professionali per estetisti sono i migliori e costano anche di meno di quelli farmaceutici. Un abbraccio ;)

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

vabbé mo sta avedere che l'industria del biuti si regge solo su di me...

neroinchiostro ha detto...

GONZO!

Anonimo ha detto...

dal punto di vista strettamente dermatologico e biologico, i principi attivi per il nutrimento della pelle sono gli stessi che trovi in un cucchiaino del normale yogurt bianco intero. Se ci aggiungi un cucchiaino di miele hai qualcosa che nemmeno la più cara delle creme è in grado di darti.
bastano 30 min alla sera per preservarsi al meglio, ma occhio alle mosche!!
Il problema sta nel fatto che le proprietà di questo composto hanno un decadimento rapido mentre le soluzioni all chemical sono fatte per durare a lungo. Non è la soluzione della nonna, ma di una dermatologa del centro dermatologico numero 3 al mondo. Stesso centro, stessa professoressa: occhio nei cosmetici a tutto quello che finisce in "...paraben".
Ti stupirà notare che dovresti buttare praticamente tutto.


rocco

dario ha detto...

dite così solo perchè nessuno ha provato il dermojeunesse della dottoressa ricci..
dario

Anonimo ha detto...

Per me il rimedio migliore è la crema Fissan allo zinco! bisogna metterla la sera perchè lascia un velo bianco sulla pelle, ma è fantastica!!!

dildo baggins ha detto...

Insy, ma davvero sei così schiavo di tutta 'sta roba? sarà che io uso solo il dopobarba, raramente il detergente e più spesso acqua e sapone per lavarmi il viso... sarà per questo che non raccatto neanche un cane randagio? :)

Anellidifum0 ha detto...

Post godibile! Lo sai che io dai tempi del Topexan mi lavo solo con l'acqua a 35-40 gradi e basta? Nemmeno il sapone. Come dici? Si vede? SCREANZATO!!! :-)

Anonimo ha detto...

l'internet è piena di siti che ti insegnano come leggere gli "inci" dei cosmetici, io seguo questo:
http://lola.forumup.it/

leggerlo la prima volta è deprimente (scopri che la metà delle creme per cui hai speso uno stipendio sono molto simili alla nivea, se non peggio), ma poi la tua pelle e il tuo portafogli ti ringrazieranno;
le venditrici di creme in farmacia meno, assai meno ...

ciao, lolita

tiziana ha detto...

Amore, ma tu non hai bisogno di quegli intrugli. Una bellezza come la tua e' acqua e sapone (microesfoliantenutrienteidratantetonificanteantirughe, ma pur sempre sapone ;-);

unachicca ha detto...

..che dirti? Io mi sono appena portata a casa una supercrema anticellulite snellente del modico valore di 50 euri...

Prendiamoci per mano almeno non siamo più soli.

PS:
Ti ho trovato grazie a eppifemili.

Anonimo ha detto...

No, tesò, l'industria del biuti, non si regge solo su di te, puoi aggiungermi all'esercito che salterà fuori per merito di questo tuo reportage dalla farmacia!

Congratulazioni per il TEFPOW, meritatissimo, un abbraccio da una piccola Drag :*

Monique

Anonimo ha detto...

ho lasciato 120 euri in profumeria giusto domenica scorsa ç_ç però ho preso detergente e tonico clarins,stupendi,mascara ysl(ma non te ne frega,stupendo pure quello) e 74 euri di crema helena rubinstein... ç_ç però la commessa mi ha caricata di campioncini sisley,insomma.
>_< no,ok,è cmq una follia, ma mi ha scioccata annunciandomi che il problema principale della mia pelle è secchezza/sensibilità,e non solo "pelle mista" come sapevo già!e devo dire che mi sa che aveva ragione...
:) come vedi siamo in tanti

kyki

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)