martedì 20 marzo 2012

VERSO LONDRA.


Venerdì si parte per Londra. Dani festeggia un compleanno (segretissimo il numero, un vezzo che dopo i 30 è una civetteria più che giustificabile) generosamente anomalo dal momento che il regalo non siamo stati noi amici a farlo a lui ma il contrario, facendoci trovare qualche settimana fa, nelle nostre cassette di posta elettronica, sia i biglietti dell’aereo che la prenotazione dell’albergo, il che visti i chiari di luna che rischiarano il mio conto in banca non potrà che portarmi ad esserli eternamente grato di tanta munificenza.
Londra è stata la mia prima destinazione straniera visitata in vita mia. Fino ai 18 anni al massimo ero arrivato in Trentino Alto Adige che in effetti visti i nomi dei paesini e l’avversione di quel popolo a spiccicare anche solo una parola in italiano, potrei in effetti annoverarlo tra i miei viaggi all’estero.
La mattina avevo sostenuto la prova orale della maturità affrontata con quella leggerezza di chi dice: “sti cazzi, come va va, tanto stasera partirò per un mese in Inghilterra”. Era uno di quei viaggi studio per imparare la lingua dove solitamente torni che la sola cosa che sai fare è ordinare la lista intera dei tipi di birra con un perfetto accento british.
Atterrai la sera molto tardi, accompagnato da una amica di mia madre che aveva organizzato la trasferta per conto della scuola di lingua. Londra quindi la vidi al buio e in atterraggio dopo di che fui spinto su un’auto scura, incappucciato, scotch sulla bocca e portato a non so quanti chilometri dalla capitale dove sorgeva un campus universitario di quelli che d’estate vengono affittati appunto a studenti terzomondisti con l’illusione di imparare l’inglese.
Sulla soavità dei ricordi adolescenziali se ne scrive più o meno dai tempi di Platone e la cosa che colpisce è l’invariabile melanconia che prende tutti quelli che volgendosi indietro a quel periodo si abbandonano alla nostalgia del tempo dove ogni cosa era per la prima volta. La prima volta totalmente da solo, la prima volta in terra straniera, la prima volta in un gruppo che non conoscevo, la prima volta che avevo un insegnante di inglese bellissimo.
Il primo giorno di lezione entrai in una classe formata a seguito di un test di livello il cui risultato incredibilmente mi poneva tra gli “avanzati”. Considerando come sapevo allora l’inglese credo che quelli del corso base si esprimessero solo a gesti. Ad ogni modo erano tutti ragazzi di Roma, ma quella bene, di Prati, della Flaminia e dell’enclave sorta a sud di Roma: Palocco, una versione capitolina di Beverly Hills dove le ragazze sono tutte biondo miele e magre anche se i genitori vengono dal Ciad (potere dei soldi che evidentemente dopo una generazione cambiano il codice genetico dei neonati).
Se nella prima ora eravamo tutti circospetti, scrutandoci gli uni con gli altri con l’occhio a fessura e dando rapidi movimenti di testa per non essere colti ad indugiare troppo sui rispettivi volti, in capo alla terza eravamo già lì che ci davamo pacche sul culo raccontandoci come fossimo bravi a elencare la formazione della Roma con i rutti (lista che ovviamente ignoravo ammettendo però di aver fatto danza per 6 anni fugando così in un secondo ogni loro sospetto sul perché avessi il ciuffo dei capelli schiarito di 3 tonalità).
Poi arriva lui: Ian. Il suo ingresso fu sottolineato da un coro si sospiri femminili, più il mio, e da un “che bono” appena soffocato da una palocchina dietro di me.
Ian aveva circa 26 anni, tratti spigolosi, occhi di un azzurro tagliente e magro al limite dell’emaciato. Iniziò la lezione senza neppure dire un “ciao” nell’italico idioma ma iniziando a sparare a raffica in quella lingua incomprensibile a tutti (tanto per dire quanto “avanzati” fossimo in quella classe).
Il secondo giorno avevo già inciso nel fusto dell’albero prospicente alla classe un cuore trafitto con i nostri nomi lanciandomi subito dopo in classe per conquistare il primo banco, cosa che nei 5 anni di liceo appena conclusi avevo sempre rifuggito neppure lo avessero costruito con un pezzo del nocciolo fuso di Chernobyl. Ormai noi studenti eravamo già tutti un po’ più sciolti e meno storditi dall’imbarazzo del primo giorno, anche troppo credo dal momento che Francesca e Silvia, nel banco accanto al mio avevano passato l’intera ora presieduta da Ian facendo commenti come se ne sentono fare solo da sedicenni davanti al loro primo film porno. “E’ bonissimo, mamma che Je farei! Se me capita!” (si che erano di Roma nord ma evidentemente l’influenza delle borgate evidentemente avevano superato i limiti naturali del Tevere). E probabilmente avrebbero continuato spingendosi ancora oltre se a un certo punto Ian non avesse detto in un italiano perfetto “Ragazzi volevo lo sapeste: io vivo e insegno inglese a Milano da 5 anni”. Subito dopo sentii il rumore sordo di due lingue cadere a terra recise di netto dai denti delle due compagne che da allora si guardarono bene di fare altri commenti, almeno davanti a lui.
In un mese non feci mai un’assenza, mai un ritardo alle sue lezioni e ci mancava solo che ogni giorno gli facessi trovare una mela lucida sulla cattedra. Ero totalmente invaghito di lui ma all’epoca ancora albergava in me un velato senso di pudore al di la del quale Ian aveva capito benissimo quanto fossi cotto di lui tanto più perché era gay anche lui. Con molta serenità qualche giorno dopo lo raggiunse persino il suo fidanzato italiano, un architetto di Milano, orribile, odioso, insopportabile e assolutamente inadatto a lui, almeno rispetto a me.
Quando il corso finì, noi partimmo tutti per una settimana a Londra prima di rimpatriare, allora mi feci coraggio e gli chiesi l’indirizzo per mandargli una cartolina (no e mail, in quei tempi avevamo appena abbandonato le tavolette d’argilla in favore della pergamena).
Tornato a Roma gli scrissi dichiarando i miei sentimenti con quell’impeto da romanzo epistolare ottocentesco del tutto inadeguato alla situazione. Mi rispose confessandomi di capire ma spiegandomi quanto la cosa fosse impossibile, con l’accondiscendenza e la tenerezza di chi legge una lettera fin troppo goffamente sentimentale scritta da un poco più che ragazzino.
Ci scrivemmo forse ancora un paio di volte poi ci perdemmo di vista. Quando 5 anni fa mi iscrissi a Facebook, per curiosità provai a cercarlo e lo trovai. Dalla foto era molto cambiato. Gli scissi chiedendogli se si ricordava di me e per un attimo l’emozione di allora riaffiorò oltre la cotenna che negli anni inevitabilmente finisce per ricoprire i nostri sentimenti adolescenziali. Mi rispose poco dopo dicendomi che aveva avuto tanti studenti italiani ma che non ricordava esattamente chi fossi ma mi inviò la richiesta d’amicizia che però non accettai mai.

16 commenti:

Kumagoro ha detto...

Ti aspetto a londra Insy, in tutta la tua splendezza.

Posso beccarti per farmi autografare il libro? :D

Marco

Emy ha detto...

peccato per il finale :( ne ho fatti tre di sti viaggi studi, della serie che se avessi limonato meno e studiato di più a quest'ora saprei l'inglese meglio di Melissa Satta. Per dire. Ma sempre di lingua parliamo, no?

non ho mica capito, sto college era o no a Londra? Se no non si spiega il 'Quando il corso finì, noi partimmo tutti per una settimana a Londra prima di rimpatriare'...

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

Kuma, volentieri!

Emy: " Londra quindi la vidi al buio e in atterraggio dopo di che fui spinto su un’auto scura, incappucciato, scotch sulla bocca e portato a non so quanti chilometri dalla capitale dove sorgeva un campus universitario di quelli" :)

Ale & Edu ha detto...

il dicottenne Ale e le prime cotte, un vero racconto di formazione per ragazzini gay. mi piace sta scrittura tenera e disarmante.

Anonimo ha detto...

Eh no, non te la cavi così! Chi è il Dani che paga la vacanza agli amici? Un milionario? Su su, facce sogna'... che magari gli inviamo la richiesta di amicizia su Facebook, lo intortiamo e ci sistemiamo pour la vie! ;-)

Lilyum ha detto...

E vabbè peró, viva la sincerità ma che gli costava dirti che ti ricordava? Uff. Hai fatto bene a non accettare l'amicizia, tiè. Bravo Insy, ti seguo da un sacco. :)

Buon viaggio a Londra.

Anonimo ha detto...

Ma come? Una storia così bella e tenera con un finale così scrauso?
Cavolo gliela potevi dare l'amicizia. E' diventato brutto, calvo, grasso e con gli occhi rossi rossi?
E' impossibile dimenticarsi di te!!!
Fai buon viaggio Ale, divertiti tanto, tanto, tanto e mandami una cartolina, altro che mel!
Ciao Alex Fe

A. Oscar Carini Coop ha detto...

molto carino questo racconto di te.
ti invidio un po' questo amico così generoso. i miei al massimo me fanno trovà nella cassetta gli estremi del c/c per fargli un bonifico...

Nanà Lanuit ha detto...

Che bella questa storia...
mi ricorda certi pruriti della primavera in arrivo, tanto e troppo tempo oramai è passato da allora, ma il ricordo è sempre li.
Mi piace!!!

for you.

Daniele ha detto...

Caspita leggo questo solo ora, curioso perché io vivo a Londra al momento, magari ci siamo incrociati per caso senza conoscerci! XD
Come città è veramente bella e amo vagare per le sue vie, ma personalmente sento la mancanza del cibo italiano...

Anonimo ha detto...

Daniele, la mancanza del cibo italiano è una stronzata! A Londra ormai si trovano tutti i prodotti italiani e di tutte le marche. Certo, costano qualcosina in più (per esempio, nel forum di gay.it un ragazzo che vive a Londra ha scritto che la mozzarella di bufala costerebbe 40 euro al chilo) ma si può sempre ripiegare con la buona cucina inglese che fino a ora non ha mai ammazzato nessuno!

Daniele ha detto...

Mah insomma, io sono uno ancora uno studente con uno scarso budget economico, e quindi mi tocca fare la spesa da Tesco che non ha tutta questa qualità... se hai i soldi certo, mangi bene, altrimenti ti tocca accontentarti...

Gay a microonde ha detto...

Invidia!!!!!!

Anonimo ha detto...

@a Oscar Carini coop.
Ma se ti lascio l'iban mi fai un bonifico? XD
coop? il zupermercato? Ho visto altri con coop nel nick. uhm
fammi un bonifico fa!
Insyyyyyyyyyyyyyyyyyy ma quando torni??? Arrivi prima tu della cartolina?
Ciu
AlexFe

Anonimo ha detto...

Leggo su Gay.it "Sui profili sparsi equanimemente tanto sulle chat in rete che sulle applicazione pesca-gay del mio cellulare"...

E condividili 'sti (link ai) profili, no?! Se non vediamo cosa/chi cerchi, come possiamo farci avanti?

Deus ex Machina ha detto...

"non feci mai un’assenza, mai un ritardo alle sue lezioni e ci mancava solo che ogni giorno gli facessi trovare una mela lucida sulla cattedra", Che dettaglio garbato, di una delicatezza magistrale e suggestiva... Solo da adolescenti si è così.

Grazie, il tuo blog è un'ottima compagnia.