venerdì 6 febbraio 2009

I DRAMMI FAMILIARI DI ALESSANRA MUSSOLINI


L’Espresso on line oggi ha pubblicato la versione politica di uno dei giochi più famosi della storia: “Indovina chi?”. Solo che come sottotitolo in questa variante va aggiunto: “è più assenteista tra gli europarlamentari?”.
Stacco.
L’altro giorno a “l’Italia in diretta” si parlava di un argomento nuovo: l’omosessualità, Povia, le guarigioni dalla frociaggine e la connessione tra prenderlo in berta e il disboscamento della foresta amazzonica. Prendendo spunto dalle illuminanti dichiarazioni di Al Bano sull’omosessualità, è intervenuta Alessandra Mussolini che dichiara “sarebbe una tragedia se avessi un figlio gay o tarallo (e si difende dall’ammonimento di Grillini replicando che lo dice in tono scherzoso! Quindi io da oggi a lei potrei darle della “puttana” visto che anche questo è un sinonimo che molti maschi adoperano per definire le donne. Tanto, si dice per ridere!!).
La vera tragedia però, e qui unisco le due notizie, è il fatto che giocando a “Indovina chi fa sega all’europarlamento?” di L’Espresso, scopro che Alessandra è la deputata europea italiana più assenteista (dopo una par suo di AN la quale evidentemente può presenziare solo 34 volte su 100 causa impegni dovuti alla preparazione delle conserve di pomodori e la raccolta delle olive).
Immagino infatti che la messa in piega a via del Babbuino o partecipare a trasmissioni del genere richiedano una sua presenza quasi costante in patria.
Del resto lei fa politica attiva quando va ad un talk show del pomeriggio dove solitamente si parla delle tette di Cristina del Grande Fratello.
Infondo immagino che per lei sia un impegno morale e politico rappresentare il suo elettorato parlando ti temi caldi quali il gay pride e la sovraesposizione della cultura omosessuale quando mezza Italia, me compreso, ha perso il lavoro e gliene sbatte un piffero della tragedia familiare in casa Mussolini qualora a uno dei suoi figli avesse le chiappe chiacchierate.
Non mi lancerò ora in ulteriori critiche nonostante sarebbero per me succulenti come un fritto misto alla romana. Ma mi limito solamente a chiedermi: ma questa, invece di andare a fare la vaiassa napoletana da Sposini, perché non pensa a fare ciò per cui noi la strapaghiamo al parlamento europeo? (oddio, ora che ci penso, forse fa meno danni seduta sullo sgabello de L’Italia in diretta!)

24 commenti:

angie ha detto...

Insy caro, perchè non ti candidi tu al parlamento europeo?
mi sa che raccoglieresti tanti di quei voti...
Stasera immortaleremo il gruppo con i libri...un bacio.

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

bene! voglio i boni! (ora capisci perchè sarei poco credibile come europarlamentare)

angie ha detto...

hi hi hi... e allora vogliamo i boni come europarlamentari, così tu gli puoi fare da portaborse... meglio così?

La cosa che mi disturba non poco è che la mia migliore amica zoccola per l'occasione ha svaligiato l'intero reparto di giochini durex di una farmacia... mah! Ognuno ha gli amici che si meritano.

ps: puoi dire a Scrappy che dopo aver letto il libro io lo adoooooro - se possibile - anche più di prima!

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

ci sto

Anonimo ha detto...

è così anacronistico essere fascisti.. meglio essere froci.

l'Ammaliapi ha detto...

Ma se a Busc hanno tirato una scarpa...a sta cretina non possiamo tirare uno stivalone zeppato da Drag Quin?

Anonimo ha detto...

Ma è talmente surreale da poter persino restare simpatica !!
E comunque resta un fatto fondamentale di cui si è anche già discusso in questo blog: sono i gay che devono darsi una regolata e rispondere in modo organizzato a queste posizioni, cercando di volare alto però, non confondendosi nel pollaio generale. Quando i gay saranno una lobby allora anche le visioni allucinate di certe personalità politiche lascieranno il tempo che trovano, saranno boutade, buone per l'audience di certi programmucci che ormai vedono solo le badanti tra una padella ed un clistere. Se non succederà sarà anche responsabilità nostra, che alla fin fine avremo preferito una dimensione egoisticamente individuale ricercando la soddisfazione dei nostri propri altri interessi che, evidentemente e forse nel contingente, contano di più del riconoscimento pieno di ogni diritto civile. Le due cose non sono antitetiche, solo andrebbero riordinate per priorità. Avuti riconosciuti ed affermati i pieni diritti civili si passa alla cure degli interessi personali o personalistici. perchè pure tra noi non ci sono solo stinchi di santo.

rocco

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

ROCCO, come sempre: d'accordissimo. ma lei resta una stronza

Anonimo ha detto...

@INSY e io pure d'accordissimo con te.

rocco

Anonimo ha detto...

Oh! e sono fantastici anche l'anonimo delle 4.52 ed Ammaliapi.

La cosa drammatica - dal punto di vista personale - è che sono stato convocato in Italia d'urgenza per un probabile lavoro. Mi si prospetta la possibilità di lasciare gli States per l'Italy... Non ci stiamo dormendo da giorni.

rocco

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

ROCCO: datti alla macchia:)

Anonimo ha detto...

Se non fosse per la famiglia, i miei vanno invecchiando con i miei fratelli siamo legatissimi ed i nipoti sono fantastici, non ci penserei nemmeno. Comunque ci sono ancora moltissime riserve. E poi non non ancora capito nemmeno bene che vogliono ed ho sparato una richiesta da sultanato del brunei. Vedremo.

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

voglio vedere se torni che scusa metti per non vedermi...

Anonimo ha detto...

@INSY. None. I promise.

Noemi ha detto...

Scusate per un OFF Topic indispensabile!
Ciao INSY, sono un'amica di Alexandros. Volevo farti tanti complimenti (ho letto gli estratti postati quissù : già mi hai conquistata!). Deve essere un gran momento questo...goditelo in pieno!!! Comprerò il libro al più presto e così poi ti dirò. E magari riusciamo a conoscerci di persona.
Un saluto, anche agli altri lettori...
Noemi

Andrea ha detto...

Il problema è alla radice: persone come queste non dovrebbero esistere sulla scena politica italiana. Com'è che in Germania il divieto di non ricreare un partito nazista viene controllato ed osservato rigidamente e qua ce ne si sbatta le palle?
Ora, io penso che nel "pensiero" di questa donna ci siano tante cose che non vadano, oltre a questa sua frase idiota. E che questo sia condiviso da troppi "politici" italiani. Insomma, voglio dire che secondo me questo problema riguarda tutti, gay e non.

L'Ammaliapi ha detto...

Insy e Rocco non potrei che essere d'accordissimo con voi!
Buon lunedì :)

Anonimo ha detto...

questo discorso vale purtroppo per tutta la nostra classe politica, che sia di destra o di sinistra... pensano solo agli affaracci loro e nn ai problemi veri della gente...
fanny

Alessandro C. ha detto...

Anche io voglio Insy in Parlamento!
E comunque la stronza mussolini è meglio che non ci vada in parlamento, almeno non rappresenta quei rifiuti umani che l'hanno votata.

AtenaG. ha detto...

Perchè hai messo l'immagine di un pupazzo di gommapiuma invece di una foto dell'originale?

SCRAPPY ha detto...

matta!
oggi al rientro da Madrid ne ho comprate 2 copie....qualcuno mi ha detto che dovrei denunciarti...e che hai distrutto la MIA vita!!
Ps:comunque in libreria a Termini eri vicino a Oriana Fallaci.....

Anonimo ha detto...

amore a Udine il tuo libro non si trova ancora...

SCANDALOSO

Il tuo futuro marito

Emiliano ha detto...

Ahahahah, grande stima per te :)

-BEMA- ha detto...

alessandra mussolini
non è altro che la rappresentazione, costruitaa tavolino, del prototipo di
persona ignorante-disinformata-populista.

con i soliti siparietti adulcorati di
nipote di sofia loren e nipote di benito mussolini

l'alessandra di dimena con naturalezza in interventi televisivi illogigi che farciti di disinformazione e pregiudizio.

il suo solito numero da circo in televiosione ormai è collaudato e proposto da le trasmissioni pomeridiane, al costanzo, a porta a porta....

insomma con la mussolini9 sempre la solita solfa!

che pena....