giovedì 15 aprile 2010

QUASI PREFERISCO BERTONE


















Ecco un articolo scritto da un'altra mente eccelsa: Franca Sozzani, direttrice di Vog, che invece di parlare di orli e borsette pitonate ci regala un suo pensero sui ghei, un accessorio indispensaile per inossidabili sfigate metropolitane.
In coda al suo pezzo, la meil che le ho inviato.


Ecco il vero amico: il gay!L'editoriale del Direttore



E'fuori questione: alle donne piace avere come amico, anzi, come amico del cuore, un gay.

Si dice addirittura che sia l'unico amico sincero, fedele, che non ti tradirà mai e che da te non vorrà mai nulla. E questo a volte è un vero peccato. Se ha tutte queste qualità, perché doverci rinunciare? Ma non importa, è così perfetto in tutto che qualche difetto lo deve pur avere.

Innanzitutto, l'amico gay non può avere una moglie. Di quelle odiose, brutte e gelose. È quindi disponibile. Come amici si può andare in giro parlando di uomini senza correre il pericolo che cerchi di rubartelo. O tu o lui, salvo rare eccezioni. Non avrà mai tacchi più alti o gioielli più belli. Non si girerà mai a guardare un'altra o non succederà mai che, guardando la protagonista di un film, ti dica che quella è esattamente il tipo di donna che gli piace.

Ti dirà sempre che sei bellissima perché non ha nessun interesse a dirti che non ti sta bene un abito. Perché contrariarti quando alla fine non è un suo problema? Sarà un problema di tuo marito (o fidanzato o compagno).

Ma alle donne piace essere rassicurate e adulate, e quindi è meglio una bugia affettuosa che quelle critiche odiose che solo gli uomini riescono a fare.

Meglio essere l'icona di un gay che apprezza il tuo modo di vestire, che la compagna di uno a cui dover estorcere un complimento, spesso sul capo che ti sta peggio. E poi, siamo sincere, spesso i gay sono belli, raffinati, hanno un senso estetico vicino a quello delle donne e, a parte la mamma, non hanno vicino donne bisbetiche pronte a trovarti difetti. Un vero idillio. I gay sono pettegoli. Perché, gli etero no? E poi parlare degli altri (male) piace a tutti.

Ma c'è un "ma". Frequentando solo amici gay finisci per adagiarti in una serena routine. Sei ammirata, vezzeggiata, coccolata così tanto che sei felice di non doverti misurare con flirt dall'esito incerto. Per lui sei sempre e comunque perfetta. Puoi dormire con pullover, calzini e maschera, o uscire con look improbabili. Tutto è permesso con lui. Certo non è così con i fidanzati.

Nel mondo della moda ci sono più donne, anzi più donne in assoluto e la maggior parte ha come amico del cuore un amico gay.

È rassicurante un amico sempre così disponibile e sempre indulgente sul giudizio estetico. La realtà fuori da questa situazione dorata è molto diversa. È rarissimo trovare un fidanzato che si ricordi tutti i tuoi vestiti e che ogni volta ti dica che stai benissimo.

A questo proposito, mi piace ricordare la risposta di Michelle Obama al marito che le faceva i complimenti per una gonna vecchia di qualche stagione, già indossat più volte: "Occupati di problemi più grandi, come la fame nel mondo, che ai vestiti ci penso io!".

E allora? La soluzione è semplice: un fidanzato il cui amico del cuore è un gay. E vissero tutti felici e contenti!

Franca Sozzani






Signora Franca, mi faccia essere franco.
E già grave pensare cose del genere, scriverle è preoccupante ma pubblicarle è davvero imbarazzante.
Più che un essere umano lei ha descritto una chimera inquietante composto da un coglione, un cicisbeo e cavalier servente come non se ne vedevano dai tempi del Parini.
Un capolavoro di confusi luoghi comuni che neppure i Vanzina avrebbero accroccato trovandosi a girare il remake di "Omicidio al blue gay".
Cara Franca, mi permetta di rivelarle, con tutta la modestia di cui sono sprovvisto, che i ghei non sono un accessorio di scorta alla mancanza di rapporti umani ben costruire e che all'occorrenza sanno essere crudeli, spietati e competitivi persino con le donne, persino con le amiche, persino con chi si ostina a portare una nostalgica acconciatura stile "Casa nella prateria".
Per avitare tutto questo, forse basterebbe si trovasse un'amica sincera e un uomo vero (e non una caricatura briatoresca di quelle che le capita di incrociare nei party di beneficenza), per avere tutte le conferme che ogni donna meriterebbe di avere.
Detto questo, mi auguro trovi presto altri argomenti a lei più congeniali di cui parlare.
INSY LOAN

40 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Alessandro, non potevi trovare parole migliori ..
io ho amici ghei che non sono affatto generosi nei complimenti, anzi, appena mi vedono con l occhiaia o con una mise poco decente, mi prendono per il culo come se fossi addobbata come moira orfei..e che certo non si risparmiano anche coi miei fidanzati a cui danno soprannomi imbarazzanti non ritenendoli mai alla mia altezza..in pratica sono peggio delle suocere.con questo non dico che non li adoro, però non sono certo delle checche modaiole mestruate come le ha dipinte la sozzani(tra l altro pure elkann ha pensato bene di piazzarle le corna)
Baci
ELisa

Anonimo ha detto...

Ma soprattutto magari il gay non avrà una moglie, ma una vita sì;non credo abbia la voglia ed il tempo di mettersi a fare il suo cicisbeo incensandola dall'alba al tramonto a meno che non lo faccia di professione.
Bagley

Anonimo ha detto...

dovresti vedere i ghei che lavorano nel suo vogue..altro che leccaculi ..sono delle iene!
ELisa

Anonimo ha detto...

ah ah ah, qui c'è sentore di conoscenza personale :-)
bagley

Rosa ha detto...

Ahahahahahaah Insy sei fantastico (e anche ELisa non scherza!!)
:D

Daniele ha detto...

Che articolo vergognoso! Questa Franca Sozzani fa della sua esperienza personale un'idea universale, come se si potesse giudicare una persona in base al suo orientamento sessuale. Basta con questi stereotipi umilianti, per favore! Probabilmente lei si riferisce agli uomini gay che la circondano nel suo lavoro nel mondo della moda, ma non può trarre la conclusione che tutti i gay siano così.
Pessimo poi l'uso di "un uomo" = un uomo eterosessuale, "un gay" = un uomo omosessuale, come se il gay non fosse un maschio.

Ottima risposta Ale, hai fatto bene a replicarle.

Anonimo ha detto...

Si io ho lavorato nella moda, conosco abbastanza bene l' ambiente.. e posso dire che i ghei che lavorano nella moda sono piuttosto acidi ed esaltati,quindi non capisco dove la sozzani possa avere tratto le sue agghiccianti considerazioni...
ELisa

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

non so se pensare se i suoi collaboratori siano delle iene o dei leccaculo perché a qualcuno l'avrà fatto leggere sto pezzo. gli avranno detto che era una porcata. se non l'hanno fatto è per crudeltà o per piaggeria...

brix ha detto...

Ale, hai fatto bene a cantargliele!! Ma che articolo del piffero, un sarcofago (con tanto di mummia-autrice) di nefandezze

Macsi ha detto...

La seconda che hai detto Insy. Piaggeria, chi, lavorando per lei, le darebbe torto o semplicemente le direbbe la verità?

J_Lou ha detto...

Bravissimo Insy, hai detto quel che merita a questa befana insulsa e saccente...e poi ci credo che vede i gay come cavalier serventi pronti a omaggiarla e complimentarsi con la sua ridicola figurina ; se le dicessero solo la meta`della verita`, morirebbe di dolore....

Asa_Ashel ha detto...

Non entro in merito all'immagine dei gay che la signora Franca vorrebbe far passare, mentre mi soffermo un momento su un altro aspetto del suo articolo, perché quello che mi è saltato subito agli occhi sono tutti i limiti di cui è dotata e, sinceramente, non ci esce molto bene.
A cominciare da quell'insistente bisogno di essere vezzeggiata e considerata e accompagnata quasi in ogni momento, onde evitare la devastazione psichica nel caso di un confronto molto drastico con il vuoto totale che la circonda.

Morgana ha detto...

ma veramente!! da come ne parla per lei i gay sono delle marionette colmatrici di vuoti... ma chi frequenta??

Enrico* ha detto...

...una nostalgica acconciatura stile "Casa nella prateria"...

Sei stato grande Ale!! :-D

Anonimo ha detto...

Se non ci fosse stato il soggetto (i gay) dalla descrizione avrei pensato che si stesse riferendo ad un cane. Certo che questa "donna" è proprio scema!
Ciao, Silvia

laura ha detto...

grande insy

dario ha detto...

Ma sapete che vi dico? che non ha mica tutti i torti la sozzani.. di ghei così che fingono di vivere in sex and the city ce ne stanno a iosa. certo lei rischia la generalizzazione, ma vi assicuro che di personaggi del genere siamo pieni.
che poi uno si comporta così con tutte le sue amiche frociarole o solo con quelle che si chimano franca sozzani è un altro paio di maniche.

Anonimo ha detto...

Insy, sei un mito inarrivabile: preciso, conciso, tagliente ma educato... GRANDIOSO!
Baci
Zia Marina

Oscar ha detto...

ammazza che acidona! però c'hai ragione.
segnalerei qui a laura ingalls che avere un fidanzato che ha un migliore amico gay potrebbe non essere la soluzione migliore del mondo.

Anonimo ha detto...

mai lette tante cavolate tutte insieme.. non penso che la cara sig.ra franca abbia mai avuto un amico gay. anzi probabilmente non ha mai avuto un vero amico in generale ma solo persone pronte ad adularla. l'amicizia è ben altro!

Anonimo ha detto...

BRAAAVOOOOOOOO INSY..... SMAK
Sergio

Anonimo ha detto...

"dovresti vedere i ghei che lavorano nel suo vogue..altro che leccaculi ..sono delle iene!"

Questo è lo status medio della specie ominide "cula vulgaris" (like me :-P)

Il Torinese.

Paolo ha detto...

Sempre pungente al punto giusto e nulla di più :) Sei forte Ale! (ah dimenticavo... facci sapere se ci sono repliche da parte della tizia eheheh)

Anonimo ha detto...

adesso vado a vedere nell'albo delle figure professionali; mi e' sorto il dubbio che per quel tipo di amico gay ci siano corsi di specializzazione appositi.
silvia

Annabelle Bronstein ha detto...

E' per questo che io ti ADORO e ti farei più di un'intervista. Di quelle che so' fare io, ovviamente.
;)

Annabelle Bronstein

Sally ha detto...

Insy scrivi più spesso!!

Veramente vergognoso.. e mi piace come hai iniziato tu: " E' già grave pensare cose del genere, scriverle è preoccupante ma pubblicarle è davvero imbarazzante. "

Il GAY, che per come è descritto potrebbe anche passare per un articolo da supermercato con un'enorme etichetta appiccicata sulla fronte con tanto di consigli per l'uso, più che una persona dotata di facoltà intellettive sembra un accessorio davvero! Anzi, una moda come i cagnolini alla Paris Hilton.

Poi dicono che sono pessimista: eh no, guarda in che mondo viviamo!

ps. Bel rispetto hanno le donne che "vogliono un amico, ancor meglio un amico del cuore" che sia gay. E comunque questo editoriale fa pessima pubblicità alla cara Franca che si è descritta fin nei dettagli (che insomma, poteva anche risparmiarsi)

Sally

Supertramp ha detto...

Non so se voleva far ridere, essere simpatica o cos'altro...

io non ho sorriso manco per mezza parola del suo articolo, non ho un'amica del cuore che riverisco in tutto e per tutto, anche perchè come giustamente qualcuno ha scritto tra i commenti, non avrò una moglie, ma una vita si, e di certo non vivo d'aria andando a leccare il culo a gente come la sozzani.
verrebbe voglia di prenderla a schiaffi.. da un ghei ovviamente... così magari aggiungerebbe qualcosa alla strampalata idea che ha del mondo omosessuale.

Jah ha detto...

Che carciofara la Sozzani. Punto.

Anonimo ha detto...

Cari Ragazzi,

sono stata fraintesa ... mi sorprende leggere cosi tanti commenti acidi su di me, i miei capelli e il modo di scrivere.

Ogni tanto un po di leggerezza, suvvia !

F.S.

BrunoAldo ha detto...

Cara F.S.,
da gay capisco la tua ironia, che tu sia stata fraintesa, capisco il messaggio che il tuo articolo voleva mandare, capisco anche l'acidità nei tuoi confronti ma, se posso permettermi, in tempi come questi, in acque come quelle odierne dove, l'omosessualità viene usata come capro espiatorio per proteggere preti pedofili e quindi, io a mia volta essendo gay vengo etichettato automaticamente come pedofilo, se mi è permesso schizzo acidità da tutti i pori, intolleranza ad ogni commento volto a far passare una persona come un oggetto, una cosa utile solo a......e la leggerezza da lei menzionata la utilizzo solo ed esclusivamente per depilarmi le gambe o rammendare centrini da tavolo nel tempo libero!
Passi l'articolo su Vogue, ma il commento su questo blog, perdonami, te lo dovevi proprio risparmiare!
B.A.D.R.

Anonimo ha detto...

Caro Bruno ,

sono sicura che le persone intelligenti, chi vede il mondo con gli occhi di un uomo o di una donna e non con quelli di una "bella addormentata nel bosco" capisca la differenza tra pedofilia e omosessualita'.

Non dovete preoccuparvi degli effetti dei commenti sciocchi del Bertone, o del prete impaurito dalla perdita di interesse del mondo verso la Chiesa ... Ognuno dice quello che il suo cervello accetta come "d'effetto" ... Forse possiamo dire che alcune persone dovrebbero fare un altro lavoro , o, occupando posizioni meritate o immeritate cosi' imponenti, stare molto ben attente a quello che dicono; Mi trovate d'accordo con Insy in questo.

Come dici tu "in tempi come questi" ,usate la forza che avete uniti e usate questo blog cosi' come Insy Loan fa. . . ironizzare, intrattenere, commentare, scagliarsi contro le ingiustizie. . . non per fare ironie schizofreniche parlando di gambe depilate con leggerezza ... o almeno non soltanto ! Essere leggeri, dire un chissene frega ogni tanto aiuta tantisimo nella vita di tutti i giorni ... Suvvia Bruno non sia cosi "duro"!

Lasciatemi arrischiare in un commento politically incorrect ogni tanto anche a me...

Buona Domenica a BADR e a tutti voi.

Franca

Anonimo ha detto...

:-)) divertente più che imbarazzante direi... certo che ne dovrà passare di tempo prima di raggiungere una reale "tranquillità sessuale" lontana dai comuni stereotipi

portinaio ha detto...

Ma perchè i suoi amici gay non parlano dei suoi capelli radi e crespi? Povera donna..

Anonimo ha detto...

Secondo me Franca è Insy che si è autocommentato per dare lustro al suo Blog...

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

ANO: a parte il fatto che solo te puoi credere che sia davvero la Sozzani a scrivere, ma manche fosse, sarebbe un lustro avere una suo commento? che bizzarra concezione ne hai!

Marinaiperduti ha detto...

Grande! Questa donna è più scontata dei saldi negli outlet americani. Il suo articolo mi mette umanamente molta tristezza.

Quadraretto View ha detto...

un ottimo esercizio di stile ,è quello di leggere l'articolo della Sozzani sotituendo alla parola "GAY"il termine "AMICO IMMAGINARIO"..capirete così quali traumi e problemi di solitudine ,turbano questa dolce vecchietta.

Anonimo ha detto...

L'articolo della Sozzani è ignoranza pura.
I gay non sono le marionette compiacenti delle bisbetiche asociali, sono persone con una dignità, un cervello e uno spirito critico (anche molto spiccato, altro che complimenti a gogò...), non sono gli amici immaginari delle vecchie col mocio vileda al posto della parrucca.
Lei che vuole tanto fare l'amica dei gay, con questo articolo da due soldi di cacio credo che si sia tirata addosso l'antipatia del primo gay pensante di Lampedusa all'ultimo di Timbuctù!
Lauretta

Anonimo ha detto...

probabilmente la signora non si rende conto che se fosse il direttore di vogue sarebbe continuamente riempito di complimenti e circondato di ruffiani di ogni tipo anche uno spaventapasseri, altro che amici gay sensibili e disinteressati...ah vecchia svegliati che se non occupavi il posto che hai le conferme del tuo splendore(?) non ti arrivavano nemmeno dalla mamma!!! (qualcuno glielo dica, meno male che le hai risposto tu insy.....sei sempre il top!)

cumino ha detto...

Ben detto, Insy!! :)