domenica 6 febbraio 2011

SPAZIO&PIUME

























Odio i party a tema. Sono troppo impegnative per me e come se uno non avesse già mille preoccupazioni nella vita, ogni tanto ti arriva anche l’invito per una festa che non può semplicemente limitarsi a 4 amici, una bottiglia di spumante e delle candeline da spegnere mentre ti cantano tanti auguri. No, il tema, soprattutto se il festeggiato è gay è obbligatorio. E mai che fosse una cosa semplice tipo: “bulli e pupe” o “bianco e nero” (quelle sono cose da party etero). Le tracce sono più complicate di quelle del tema della maturità e vengono sempre partorite in coppia. Più non c’entra l’uno con l’latro, meglio è: “cuneo fiscale e lecca lecca”, “clampatura cardiaca e bigodini”, “Kopernico e seta”.
Quella di ieri sera era, per l’appunto: “Spazio e piume”. Due argomenti astrusi e per questo perfettamente coerenti con quello che ho appena detto.
Ho provato a paventare al festeggiato una mia defezione tematica adducendo per mail la ridicola scusa che viaggiavo con bagaglio a mano ma sono stato prontamente redarguito da una sua telefonata nella quale mi intimava senza mezzi termini che il costume era obbligatorio e che doveva pure stravagante e sexy! (facendo alla fine salire a 4 i temi della festa e a mille il mio livello di ansia da prestazione).
Ieri mattina quindi mi scateno per il quartiere cinese di Milano alla ricerca del giusto outfit che rispettasse almeno una delle due tracce (più le altre due aggiuntive, naturalmente).
Ovviamente i cinesi e il loro gusto per il minimale sono venuti incontro alla mia visione di spazio proponendomi un paio di leggins argentati e un corpetto con lo scollo all’americana sempre in argento entrambe confezionati con tessuti di quella qualità che solo i cinesi possono creare e che domani mi porterà ad essere ricoverato al policlinico per una dermatite o un caso di lebbra.
Alla fine nell’insieme, così per darvi un’idea, sembravo la versione di Barbarella in Silver plate.
Sarà presunzione ma credo che tutto sommato il mio costume fosse non dico il migliore ma almeno rientrasse nella top 5.
Togliendo infatti quelli che lo avevano affittato (troppo comodo, così saprebbe interpretare il tema anche un lobotomizzato), quelli che lavorano nel mondo della moda quindi se lo sono disegnato e fatto realizzare da operose sartine (e con questa discriminante eliminiamo il 75% degli invitati), quelli che anche se il tema fosse stato “emergenza umanitaria in Darfur” si sarebbero comunque travestite da donna semmai però con un Cicciobelo nero avvolto nel tulle e usato come copricapo per omaggio all’argomento, restavano veramente poche persone che con un improbo sforzo di fantasia sono riuscite ad accucchiare un costume e tra queste, appunto, io.
Ad ogni modo l’aderenza al tema è stata pedissequa come solo a Milano può essere dando vita ad una festa veramente bella, almeno per quel poco che ricordo a causa della dieta liquida stile Guns’n’Roses adottata ieri sera (forse sarebbe il caso che anche alle feste private iniziassero a far pagare le consumazioni…).
Stamattina quindi mi sono risvegliato avendo nella testa solo qualche frustata di memoria, una ferita inspiegabile sul ginocchio e le labbra colorate di porpora azzurra metallizzata.
E avrei voluto che certe cose fatte ieri in effetti fossero restate celate da una bella coltre di amnesia. Per questo avrei dovuto non solo evitare di vedere le foto fatte in cui sembro una minorenne qualunque a una festa ad Arcore. Sarebbe altresì stato opportuno non chiedere nulla, anzi, evitare proprio di sentire gli amici presenti ieri sera uno dei quali mi ha candidamente raccontato che dopo essermi versato accidentalmente un drink sul petto, un invitato si è offerto di succhiarlo via permettendomi così oggi di brevettare un nuovo cocktail chiamato “Insy Space”: 3 parti di gin,
una di tonica e
2 di argento cinese spaziale.
Da servire ghiacciato e rigorosamente addosso.

32 commenti:

Anonimo ha detto...

et voilà, il perfetto stereotipo del gay frivolo ed edonista

vorrei esser mosca ha detto...

video.
eccheccappero! con tutte queste intercettazioni puo' essere che non ci sia nemmeno un misero video di te che fai follie in stile domopack?!

Anonimo ha detto...

Stai benissimo con quella mise
Andy

mr.K ha detto...

ah, dai cinesi...
credevo avessi trovato anche quelli da Bershka, stavo per maledirmi per non averli trovati esposti!!!

Anonimo ha detto...

sei gay, nun ce se sbaglia.

Anonimo ha detto...

nel post precedente mostri un video sull'omogenitorialita e la "tradizionalità" di una famiglia gay e in quello successivo una festa tipo queer as folk. Sarà la coerenza a dare i diritti ai gay!

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

e cosa c'entrerebbe? se uno rivendica i propri diritti non può andare a una festa in maschera? Dove sarebbe l'incoerenza? Sentiamo? Io li vorrei vedere in faccia quelli che fanno questi commenti per sbottarli a ridere davanti

Anonimo ha detto...

"per sbottarli a ridere davanti"

e tu scriveresti libri?

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

dai anche un demente come te ci può arrivare a capire che è un errore di battitura, su, dai, dai...

perin.pietro ha detto...

Che figo il costume!

Stany ha detto...

Da ieri non si parla d'altro che del tuo drink "Insy Space" detto anche "Bevuto Addosso" - Ho individuato "l'altro" protagonista indispensabile del tuo primo cocktail assoluto servito nella storia... Non male.., è un mio amico. E, ora che ci penso, se cerco bene, magari trovo pure il video... Ti tengo informato.
Ti abbraccio. Ok ok..., ...sono il marito di Alessandra Cerbino la presidentessa del Fan Club Sicilia

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

marito di Ale,
me lo sento, sarà il drink dell'estate!!!!
si se recuperassi video o foto sarebbe, come dire, il coronamento di una carriera discreta e dignitosa :)
un bacio alla tua splendida moglie!

Anonimo ha detto...

Tutto ciò è di una tal triste vuotezza che si rimane senza parole.

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

bravo allora taci che non fai un soldo di danno

Anonimo ha detto...

gioia. Mi rivedo io alla tua età! Forse ero un filo più troia. Brava, goditi i tuoi momenti e lascia gli anonimi la tristezza dei loro tanti, tantissimi "vorrei ma non posso".

Anonimo ha detto...

salve,
sta scrivendo qualcosa di nuovo?

mi faccia sapere.

grazie


1fan

Rainbow ha detto...

Sei cosmogonico, Insy!

Anonimo ha detto...

tutto sommato un 7-.
Senza la barba, ti fa "pucioso", magari un 7 pieno.
Certo, spero che quella sia una posa, altrimenti calo a 4: ci sarebbe troppa femmina per i miei gusti.
Il drink lo proverò.

Barone ha detto...

Ma la cannuccia arancione è l'accessorio indispendabile per sorbire il drink?

Anonimo ha detto...

comunque l'anonimo che ha citato queer as folk sono io l'altro con cui hai battibeccato è un altro. Non prenderla sul personale e che sto ancora cercando una cultura gay di riferimento!! :D

Anonimo ha detto...

oddio mi fai troppo ridere! :)
e tra l'altro stai mettendo il fisico ;)
quando ritorni a roma?? ehehe

Francesco da Catania ha detto...

santo iddio che donna che sei! a voja a farti crescere la barba... dovresti piuttosto smetterla di devastarti quelle povere sopracciglia o tra un paio d'anni sarai ridotto come Mina o Moira Orfei ( con le sopracciglia disegnate a matita ... ).

Alfonsina la pazza ha detto...

Mamma ma quanto stanno a rosicà sti anonimi tristissimi!
Insy, non preoccuparti di loro: sei un sorco che levati, sei intelligente, sei simpaticissimo, scrivi bene e non te la tiri mai. E con il Barbarella look sei molto, ma molto meglio di Jane Fonda. Che vuoi di più dalla vita? :-)

Anonimo ha detto...

Insy, non preoccuparti di loro: sei un sorco che levati,

bassetto e stempiato ad essere buono.

sei intelligente,

furbo, intelligenza è unaltra cosa.

sei simpaticissimo,

è tutto un essere impostato, di suo è scostante e con la puzza sotto il naso e valuta le persone per la convenienza che gli procurano. tipo pensi che rizzoli abbia pubblicato il libro di un esordiente perchè è un nuovo gadda? anzi, insy quante copie ne hai vendute? 1000?

scrivi bene

scrive facile, è uno dei suoi modi di essere popolare. poi per uno che lavora in pubblicita' e il minimo.

e non te la tiri mai.

noooooooooooooooooo.

E con il Barbarella look sei molto, ma molto meglio di Jane Fonda. Che vuoi di più dalla vita? :-)

e se è così fico come mai è single?

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

grazie ragazzi;)


ANO delle 11.56: pensa e nonostante tutto questo mi diverto! e tu, ma perchè non ti rilassi un po' invece di rosicare, guarda ti fa male, da retta. un bacio

Anzy Luan ha detto...

ho letto da qualche parte che sei il gay + influente in italia ( secondo una classifica di novella 2 o 3000 ).
qualcuno mi spiega perchè i gay influenti in Italia sono o checche o travestiti ?

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

forse perché quelli come te non si espongono e preferiscono nascondersi dietro uno pseudonimo tra l'altro anche un filo volgare...
non trovi Luan?
serenità!

Alfonsina la pazza ha detto...

@ ANO 11,56 e 14,13: tesoro, solo per dirti che parlo a ragion veduta, conoscendo Insy molto, ma molto bene.
Curati quella brutta gastrite, dicono che il Maalox qualcosa fa.

Ansy Luan e lo Stato delle Cozze ha detto...

Carino il nick Insy "LUAN", rende meglio l'idea del personaggio da palchetto di Muccassassina quale sei ;-)

( senza offesa )

dario ha detto...

io non me la prendo con gli anonimi che se offendono ale, ognuno è libero di perdere tempo come vuole. puntualizzo solo all'anonimo del 7 febbraio che commentava la coerenza tra i diritti di genitorialità dei gay e l'avvolgersi col domopack, che a quella festa c'erano anche numerosi etero, sia uomini che donne, conciati allo stesso modo e per i quali nessuno mette in dubbio la capacità di educare dei figli. per fortuna che il mondo cambia perchè c'è gente che non ragiona con preconcetti.

dario ha detto...

io non me la prendo con gli anonimi che se offendono ale, ognuno è libero di perdere tempo come vuole. puntualizzo solo all'anonimo del 7 febbraio che commentava la coerenza tra i diritti di genitorialità dei gay e l'avvolgersi col domopack, che a quella festa c'erano anche numerosi etero, sia uomini che donne, conciati allo stesso modo e per i quali nessuno mette in dubbio la capacità di educare dei figli. per fortuna che il mondo cambia perchè c'è gente che non ragiona con preconcetti.

Anonimo ha detto...

causalità, ieri sera guardavo una puntata di modern family con lo stesso problema delle feste a tema...