martedì 18 marzo 2008

PRIMI APPUNTAMENTI: parte I


Se mi avessero dato un euro per ogni volta che ho detto: “Questa volta è quello giusto”, a quest’ora un fidanzato me lo sarei potuto comprare.
Quindi rassegnamoci a una ricerca in confronto alla quale quella degli archeologi dedicata all’arca dell’alleanza sembra una caccia al tesoro per bambini dell’asilo nido.
In effetti trovare qualcuno non è poi così difficile perché tra ciat, saune, cessi delle stazioni, discoteche e sale d’attesa degli studi psichiatrici si trova sempre qualcuno. Il punto fondamentale semmai e trovare quello giusto per te. E’ questo il dramma. Una volta che hai tolto infatti i cazzari (30% secondo i dati ISTAT), i fidanzati (35%), quelli che per età rischi la galera o i fine settimana nelle case di riposo (15%), quelli per cui la camicia che gli dona meglio è quella di forza (19,5%), beh, non servirà essere un gran matematico per rendersi conto che resta davvero poco da scegliere. Per questo bisogna essere estremamente scaltri e ogni mossa non deve avere alle spalle una ponderata strategia.
Tutto sommato trovarsi un fidanzato è come fare una partita a sette e mezzo, bisogna osare, essere spregiudicati ma senza lasciare troppo campo all’incoscienza e, se ti dice culo, il piatto è tuo.
Per esperienza personale, quasi tutti i miei fidanzati (termine che mi piace applicare indistintamente sia a quelli con cui sono stato per anni, come alle struggenti passioni di una notte, o meno) li ho conosciuti nei locali e siccome solitamente le mie condizioni in quei contesti tutto sono fuorché da conversazione gradevole a base di tè, pasticcini e simpatia, ho sempre rimandato il giudizio sul mio futuro ex fidanzato (perché spessissimo di quello si tratta) ad un secondo appuntamento. Ora, molti nahho avuto in passato esperienze con delle ragazze e, si sa in questi casi, l’iter del primo appuntamento segue un percorso per certi versi più semplice e prestabilito. Dimentichiamo tutto questo, con i maschi è completamente diverso.
Se si chiede in giro, si può scoprire che ognuno ha la sua tecnica e i suoi parametri di selezione. In questo non ci discostiamo di molto da un colloquio di lavoro, del resto quello che cerchiamo sono le stesse caratteristiche che cerca di un responsabile delle risorse umane: affidabilità, professionalità e, soprattutto competenza.
La scelta del luogo innanzitutto.
Per un primo incontro suggerirei sempre un aperitivo. E’ in un orario tale per cui, se ne vale la pena, la cosa può sempre evolvere in una cena, altrimenti fai sempre in tempo ad andare in palestra o in sauna.
Il cinema anche non è male. Dalla scelta di un film si capiscono molte cose. E’ vero che può capitarti quello che ha la fissa per film pesanti e intellletualoidi ma ho una buona notizia, gli autori più impegnativi sono tutti morti e Olmi ha promesso che non girerà più un film quindi ce la puoi fare.
Poi il silenzio della sala, quel senso di intimità e, soprattutto, il buio sono la cosa più vicina ad una camera da letto senza la seccatura di dover poi cambiare le lenzuola.
Che comunque sia un cordiale alla Pergola dei Cavalieri Hilton o un piatto di capriolo e polenta in una baita di montagna, ricordati sempre che non stai li per perdere tempo.

Continua, presto, credo, spero...

44 commenti:

guy87 ha detto...

Non ho nulla da dire ma vuoi mettere la soddisfazione di postare il primo commento!!

Insy fico!

Anonimo ha detto...

Maddai Insy, aspettavo almeno un commento sulla trasferta Milano, sei salito o no?
Dissento sugli autori impegnativi, sono ancora vivi o, quantomeno, moribondi, ed i loro film toccano tutti a me, dupalle!

Macsi

Anonimo ha detto...

ammettiamolo, il discorso è piuttosto semplice: se sei prestante o quantomeno bellino, le possibilità di fare incontri con aspiranti al ruolo di fidanzato aumentano, e quindi anche le probabilità di azzeccare quello giusto; se sei un tipo passabile o addirittura NORMALE (che brutta parola!) altro che arca dell'alleanza, le tue chances sono pari a quelle di dimostrare l'esistenza di Atlantide!

dildo baggins ha detto...

P.S. il post qui sopra è il mio, non so perchè ma non me lo faceva salvare col nome...

Enrico* ha detto...

Insyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyy!!
Vogliamo il resoconto della trasferta milanese, che c'è frega della ricerca della felicità???
:-)

Anonimo ha detto...

Mhmm...certe volte i tuoi scritti mi sembrano la copia sputata di Joshua Neumar

Anonimo ha detto...

Joshua Neumar? Certe volte (spesso, direi!) i suoi scritti vengono scritti prendendo spunto da olderrimi post pubblicati sul forum di Gay.it negli anni passati.

Anonimo ha detto...

E che male ci sarebbe se così fosse, Anonimo di cui sopra?

Macsi

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

X ENRICO*: non rompere! Potevi venire!!

X ANONIMI: Joshua Neumar scusate ma non so chi sia ora mi vado a documentare.
Riguardo le isirazioni per i miei post, acc!!!! M'avete scoperto!

ZeroCarbonella ha detto...

beh allora intavoliamo un discorso sul concetto di nuovo e innovativo no?
Magari anonimo secondo te la musica si è fermata agli anni 70...
Uff che noia certi discorsi...

Anonimo ha detto...

io trovo insy molto simile ad alcuni scritti di susanna tamaro da giovane...

dario

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

la Tamaro non è mai stata giovane.
Vabbè oggi abbiamo preso sta piega...

ZeroCarbonella ha detto...

io conosco insy da molto ormai, e mi dispiace dirlo, ma insy oltre a Liala non legge altro...ma non ve lo ricordate a telemike?

Anonimo ha detto...

La Tamaro sta con unA che è la zia di un mio AmicO che sta con unO... pare che i suoi libri si prestino a varie letture... Se solo ne avessi letto uno :-)

Anonimo ha detto...

Joshua è un grande, Insy, ha scritto molte cose oltre che per gay.tv ed il suo sito ha fatto storia...documentati!

Anonimo ha detto...

si dai Insy di qualche cosa sulla tuua trasferta Milanese o Parmigiana, almeno!

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

caro Anonimo, che per brevità chiamerò ANO, che ti devo dire mi documenterò...

Marco Antonio ha detto...

Complimenti,ne hai fatta quasi una scienza esatta.
Al cinema la prima volta? mai e poi mai. che palle!! Meglio un bel posto dove slinguazzarsi :)

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

MARCO: ma te la cinena non ci vai per limonare?

Della trasferta a PArma non parlo...:)

Anonimo ha detto...

io non mi lamento ho fatto sempre incontri decenti,ho addirittura conosciuto quello che è poi diventato un caro amico in un luogo di malaffare,rimanendo a chiacchierare per un'ora e mezza mentre intorno avevamo sodoma e gomorra;insy mio,il cinema proprio no,due ore muti al primo appuntamento non è una grande cosa,e poi tu mi guardi all'italia,i coreani sono sempre in agguato,e ti assicuro che ebbro di donne e di pittura"sa essere mortale",decidereste di non vedervi più solo per non alimentare il ricordo di una tale opera d'arte.
Parma?e da dove è uscita Parma?bah,buon per te!
Ma a quelli che sono stati anche con donne,fai seguire una profilassi?potrebbero essere portatori di cose che non voglio nemmeno immaginare.
bagley

Anonimo ha detto...

a quando "primi appuntamenti" parte II?

Anonimo ha detto...

si non vediamo l'ora...

primo ha detto...

E' per questo motivo che non avrò mai
un blog serio.. ci sono sempre troppi
ANO che la mattina si svegliano col
preciso intento di rompere i coglioni!
AH! solo una cosa.. sei sicuro che i
tizi a cui donerebbe solo una camicia
di forza ammontino al 19,5% del piatto gay?
Perchè io sono certo di averne incontrati
moooolti di più..

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

PRIMO mio che vuoi che ti dica. so commenti che lasciANO il tempo che trovANO...:)

gipris ha detto...

Ma se vai al cinema, come pensi di chiacchierarci per conoscerlo?

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

GIPRIS: ma al cinema fai altro. poi ci parli...

Anonimo ha detto...

Insy vai al cinema stasera?

dildo baggins ha detto...

scusa e in che cinema di grazia? ti metti a limonare al warner village? :)

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

sarò particolarmente spegiudicato ma il al cinema ho fatto anche di più che limionare...

18n ha detto...

Insy, ma parliamo di cinema normali o di quelli vm18?

Marco Antonio ha detto...

Ma dai? che storia.capisco che la mia situazione sia diversa, tu sei in una grande città mentre io vivo nella provincia boschiva.Per me il cinema è solo cinema; se volessi scopare opterei per il bosco :)) o una stanza da letto se disponbile.

Insy tutti cercano i tuoi video hard sulla rete.(Da corriere.it)
saluti coMASCHI

Anonimo ha detto...

Primi appuntamenti (atto II)

Ogni volta si riguarda la stessa giostra, che incessante gira, e si capisce che ancora un’altra volta dobbiamo risalirci, non essendoci altro posto giù da essa.
Se mi fossi risparmiato un soldo per ogni volta che trovavo una persona con cui stavo bene ora sarei ricco, oltre che felice ma, se avessi tenuto un soldo per ogni volta che mi scontravo con una persona interessante ma la distanza impediva ogni reale possibilità di trasformare uno scontro in un incontro relazionale beh, sarei Bill Gates.
Sembra che appartenga più alla sindrome di Peter Pan il trovare affinità per persone che, troppo lontane, non potrebbero essere i giusti fidanzati ma in realtà non è così.
Si sa, girando, a volte anche fuori dalla propria città, si abbassano le difese e si cerca di guardare le situazioni diversamente e le emozioni sembrano amplificarsi.
Il viaggio alla fine è una metafora ma l’umiltà che ne deriva è reale e spesso liberatoria.
Le persone che si incontrano sono le stesse che incontreresti nella tua città o forse sul pianerottolo superiore di casa tua ma c’è una differenza di base; gli dai una chance.
Quella possibilità perché forse inconsciamente sai che troppi impedimenti darebbero modo di andare avanti in un terzo appuntamento con le stesse emozioni che erano state coreografia dei precedenti incontri.
Com’è che il volto scanzonato e felice in pochi giorni passa a pensieroso e fuggente?
Quante emozioni significative possono nascere da una singola conoscenza e se questa conoscenza è una persona chiusa ma attore, insicura ma lottatrice, normale ma con un grande fascino e, più importante, con un corpo che abbracciarlo tutto in mezzo a te ti fa tirare la pelle dall eccitazione del corpo e esplodere il petto di sereno piacere.
Ora mentre sono qui che aspetto che il ferro si scaldi preparando il vapore penso a me che indirettamente mi raffreddo dopo un bel falò e come tutte le cose che velocemente si devono raffreddare, senza l’uso del abbattitore, mi ripresenterò sulla giostra con un’altra pelle un po’ più bruciata e un po’ più secca.

Enrico* ha detto...

Ma chi è l'autore di questo pappié???

Quadraretto View ha detto...

@anonimo

No caro amico non sono d'accordo!
Parli da uomo ferito.
Pezzo di pane!
Lui se n'è andato e tu non hai resistito.
Non esistono leggi d'amore:
basta essere quello che sei.
Lascia aperta la porta del cuore
e vedrai che un uomo è già in cerca di te.

Senza l'amore un uomo che cos'è?
Su questo sarai d'accordo con me.
Senza l'amore un uomo che cos'è?
E' questa l'unica legge che c'è.

Massimo ha detto...

io vorrei un primo appuntamento con te!!
Ti adoro..se ti va contattami

I'm ha detto...

Purtroppo è come dici tu, nè piu ne meno...
ma se cerchi un fidanzato vero, una persona con cui parlare e non scopare come un mulo, per quello la ricerca sarà infinita..
Ed è meglio levare il pensiero prima che con la forsennata ricerca ti rovinerai il cuore avvelenandoti gli anni che ti sono rimasti..
Vorrei vivere una storia come quella de "la finestra di fronte"
ma purtroppo la vita non è un film...
E la gente non puoi individuarla cosi facilmente
E cercarla nei locali o tramite siti di messaggistica significa, ohimè, darsi la zappa sui piedi..
Lo so che non c'è altro modo
Ma siamo in un covo di lupi, io stesso pensavo di ricredermi ma devo dire ce purtroppo è così.
Punto.

Ps: Buona Pasqua a todos.......

Quadraretto View ha detto...

@I'm

No caro amico non sono d'accordo!
Parli da uomo ferito.
Pezzo di pane!
Lui se n'è andato e tu non hai resistito.
Non esistono leggi d'amore:
basta essere quello che sei.
Lascia aperta la porta del cuore
e vedrai che un uomo è già in cerca di te.

Senza l'amore un uomo che cos'è?
Su questo sarai d'accordo con me.
Senza l'amore un uomo che cos'è?
E' questa l'unica legge che c'è.

Quadraretto View ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
I'm ha detto...

@Quadraretto View:

lo so che senza l'amore non si vive, io non ci riuscirei ma oramai dovrò farne di necessità virtù..
Insomma, troppe delusioni, davvero..
Non sono un machoman, non cerco un superdivo (ma neppure un cesso), non sono un tipo esigente, cerco solo amore
Ma il vero Amore, forse, fra noi, non esiste
O se esiste, lo si fugge...

Quadraretto View ha detto...

ti prego dimmi che quel "fra noi" non volesse significare "tra noi omosessuali", anche perchè noi ci amiamo tantissimo e dividiamo casa cane e progetti...il tutto con il supporto e l'amore delle nostre famiglie..ironia e leggerezza potrebbero aiutarti molto..

PS il testo era volutamente ironico;)

I'm ha detto...

non so cosa dire, per adesso non penso nulla.. Quel "fra noi" l'hai inteso bene.. mi dispiace, l'esperienza non mi lascia sperare in bene...chi lo sa, magari domani tornera il sole..

samanta norton ha detto...

@ i'm
sei di un nichilismo cosmico alla Renato Zero o alla Marco ferradini (la canzone sopracitata) ci sono persone morali e persone moraliste, ci sono persone leggere e persone superficiali,una volta capito questo.....
Ps: certo essere belli aiuta

I'm ha detto...

@samantha:

Io non sono nichilista, sono realista
La mia esperienza mi ha portato a dire questo

ARTuro ha detto...

Gli appuntamenti... la persona ideale...? come trovarla. é già difficile trovare qualcuno.I questo periodo sto guardando Queer as a Folk, bel telefilm, a parte che chiunque tu sia e anche se tu non ti dovessi trovare in un locale gay, i protagonisti trovano qualcuno che non hanno mai visto, e sicuri che quello sia gay TRAC attaccano discorso. Nel giro di mezzora sono uno a casa dell' altro che si danno alla pazza gioia. Ma come si può fare.?