giovedì 28 gennaio 2010

ANCHE I GHEI PAGANO I BIGLIETTI


Facciamo preventivamente una mappa della questione.
“Sono contraria (ai matrimoni gay, ndr). Bisogna regolamentare le unioni ma il matrimonio deve essere tra un uomo e una donna. Vale lo stesso anche per le adozioni: un bimbo ha bisogno di una madre e di un padre”.
Binetti? No. Mussolini? Troppo facile, non è neppure lei. A dichiarare invece una cosa del genere è Lorella Cuccarini, una che sulla devozione dei ricchioni c’ha costruita una carriera. Ecco, la Cuccarini, invece che essere fischiata per un’esternazione del genere, lecita, ma offensiva e pregiudizievole nei confronti di questo pubblico, venerdì sera verrà addirittura invitata a presentare il suo musical a Muccassassina.
Altro punto da fissare sulla mappa: Muccassassina è una propaggine del circolo di cultura omosessuale Mario Mieli il quale, per come lo ricordavo io, avrebbe messo in atto una protesta formale conto dichiarazioni del genere.
Delineato questo scenario, quello che ne esce è totale sbigottimento.
La Cuccarini, premettiamolo subito, può avere qualsiasi tipo di opinione, per quel che mi riguarda potrebbe anche pensare che i ghei sono stati creati solo per truccarla e farle delle coreografie e nulla di più, ma che qualcuno con questi convincimenti venga addirittura ospitata per cantare le canzoni del suo spettacolo ad una festa ghei io lo trovo scandaloso.
E così in cerca del solo pubblico che potrebbe riempire il teatro (dal momento che dubito che i ragazzi del FUAN abbiano già il biglietto in tasca) si rivolge al bacino di ricchioni che ancora la osannano come icona. Ma mi correggo subito: più che con i suoi imperterriti fan (del resto il masochismo si manifesta attraverso vie spesso insondabili), il mio sdegno è rivolto agli organizzatori di Mucca che le permettono di venire a rimpinguare sacche di pubblico proprio tra coloro ai quali lei ha mancato di rispetto.
Mi è anche giunta voce che Lorella verrà per rettificare quanto pubblicato da Vaniti Fer. Sarò formale ma non è certo una discoteca il luogo più adatto per trattare o ritrattare quanto detto. Non è di sicuro una pista da ballo l’arena più adatta per un confronto. Perchè non lo ha fatto piuttosto all’indomani dell’intervista? Perché non mandare un comunicato stampa in cui si discostasse dal solito malizioso fraintendimento dell’intervistatore?
Ma la Cuccarini in tutto questo, poco c’entra, maggior colpa, ribadisco, hanno in primis gli organizzatori di mucca e poi il direttivo del Mieli.
Sono francamente deluso e sconcertato e l’evidenza dei fatti da poco spazio a strenue difese o giustificazioni.
Ho pensato a lungo se boicottare la serata o andare con canestri di pomodori da lanciare equamente agli uni e all’altra ma alla fine ho scelto di non andare. E non tanto per non vedere l’opportunismo di Lorella ma piuttosto per evitarmi il patetico teatrino di quanti sul palco la idolatreranno facendole scegliere quale pezza a colori sia più intonata con il suo tentativo di riabilitazione e quanti finocchi tra il pubblico saranno lì a gridarle “quanto sei bella!!!”, dimentichi, o forse mai stati consapevoli, di cosa sia la dignità, il senso di indignazione e, soprattutto, la coscienza di appartenere ad una comunità.

30 commenti:

AtenaG ha detto...

Di sicuro non si può tacciare di incoerenza i politici se poi quella che, come tu stesso dici, è la propaggine del Mario Mieli riesce a fare una cosa così assurda.
Non so se esser demoralizzato o incazzato. E non sapendo scegliere [come sempre mi accade] perservererò in entrambi gli stati d'animo in contemporanea.

Anonimo ha detto...

Certo, non è il luogo più adatto!!!
Il Vanity fair (su cui tutti si sono basati a cominciare dal politico da qui a tratto le sue conclusioni e gridato allo scandalo....con un quotidiano o una testata di un certo spessore...No! il Vanity Fair) è così autorevole e attendibile??

Anonimo ha detto...

E poi Lorella non è mica stupida!!
Avesse la coda di paglia o qualcosa di cui vergognarsi certo non si esporrebbe così tanto!!
Per la cronaca: Il musical sta andando alla grande e non è di certo la pubblicità che gli manca...e chi ha organizzato di certo sa quello che fa!!

Roccia ha detto...

Concordo con Insy. Dopo i 50 euro della serata di Capodanno, dopo il silenzio sullo sciopero della fame dei due ragazzi di Savona, direi che ho un motivo in più per continuare a boicottare Mucca. Mi spiace solo che di alternative effettive a Roma non ce ne sono, per ora.

Anellidifum0 ha detto...

Bravo Ale. Questa volta faccio sul serio e scrivo anche io. Il silenzio, a questo punto, potrebbe essere scambiato per indifferenza.

http://anellidifum0.wordpress.com/2010/01/29/mettersi-la-dignita-sotto-i-tacchi-e-calpestare-forte/

giuls ha detto...

ragazzi,
vogliamo continuare a essere considerati una marmaglia a cui basta dare musica a palla e paillettes x renderci felici anche se calpestano i nostri diritti e la nostra dignità?
Se è qst che vogliamo allora gli organizzatori del Mieli hanno fatto bene, se vogliamo dei diritti allora è ora che gente come grillini cambi mestiere o forse ne faccia uno non lo so!
leggendo il post mi è venuto in mente il film Milk, lo avete visto? La cuccarini ha tutto il diritto di dire qll che vuole ma se non ha smentito pubblicamente ciò che ha detto è perchè lo pensa, fa bene a dirlo ma sta a noi scegliere delle icone in modo diverso.
x me una icona deve essere qualcuno che ha fatto qualcosa x noi, che ci dà visibilità e che non ci discrimina chi dice stronzate di qst portata x me un pubblico omoaffettivo dovrebbe boicottarlo.
Mi domando anche che valora hanno oggi in Italia l'arcigay e affini! io personalmente sento il bisogno di persone che lavorino ogni giorno per far conoscere la nostra realtà per dire al mondo che ci sono le zoccole tra le lesbiche qnt tra le etero ma che ci sono coppie omoaffettive che durano una intera vita. di gente che organizza party non ne ho bisogno.
buona giornata a tutti

Enrico* ha detto...

Anche io sarei veramente indeciso se andare coi pomodori o non andare...
Forse fai bene tu, ma la tentazione di andare a fischiarla sarebbe tanta!!

Marinaiperduti ha detto...

che disgusto.

Massi ha detto...

Mi fa piacere leggere della tua decisione finale di boicottare la serata, andare e pagare per contestarla non avrebbe avuto granchè senso. Spero che ti imitino in tanti. Il danno economico è l'unico argomento a cui sono sensibili certi personaggi. Fategli trovare il locale vuoto, porcamiseria!!!

Anonimo ha detto...

Ormai mi sembra evidente il patto tra organizzazioni glbt e politica: immoliamo i diritti per avere la libertà di esercitare il nostro business frocio in esclusiva..
Per come la vedo, il mucca non è l'unico locale a dover essere boicottato.
GiTTu

The Ant ha detto...

Insy, troppo vero e giusto quello che scrivi!!!
Io non so fare altro che darti manforte con queste poche righe... visto che al Mucca non metto piede da secoli e il MIO boicottaggio non vale un ficosecco...
Sappi che la TUA voce è importante in tutto questo. Per dire quello che è vero e giusto: sulla nostra pelle certe 'monnezze' non ne vogliamo più. Basta, basta, basta. Con le Cuccarini e con i FINTI rappresentanti della gente glbt.

Lorelie ha detto...

Io boicotterei. Boicotterei tutte queste "fighedilegno" che credono che dire "ho molti amici gay" sia un passepartout per questo periodo di grandi discussioni sull'omofobia. Hai amici gay? e allora? come mai specifichi che molti sono gay? Io ho molti amici..gay non gay...non lo so cosa fanno quando fanno sesso! Ho molti amici e basta.

damiano ha detto...

Io andrò un pò per senso del dovere un pò per capire , un pò perchè voglio prendermi la soddisfazione di fischiarla e darle le spalle come ha porposto uno dei volontari del Mieli di cui io stesso faccio parte. In effetti le motivazioni dell'"invito" , sempre che ci sia stato un invito ufficiale, mi sono sconosciute e sarà mia premura chiedere spiegazioni al mio direttivo.
detto questo invito tutti quelli che decideranno comunque di venire a mucca stasera di dare le spalle alla cuccarini tutto il tempo in cui sarà sul palco e possibilmente di coprire ogni sua ipocrita affermazione con i fischi.
Damiano

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

DAMIANO, trovo la tua proposta molto interessante. ripeto, io non credo verrò ma se dovessi farei anche io così.

damiano ha detto...

Trovo ogni tipo di indignazione a riguardo più che giusta e la tua decisione più che condivisibile.
Come già detto in precedenza vado per senso del dovere perchè sono un volontario ma anche perchè mucca è anche la mia serata sicuramente di più di quanto sia della cuccarini, stasera farò tutto ciò che è in mio potere per farla sentire a disagio e fuori luogo.

kanzeon ha detto...

Concordo pienamente con Roccia.
Basta boicottare il Muccassassina!
Anche noi dovremmo essere coerenti, la coerenza non si può! solo pretenderla!

Anonimo ha detto...

si si,fa tanto sciura dire che hanno amici gay,perche' non chiedete a queste tipette se vorrebbero avere un figlio gay???
mammamia quanta ipocrisia c'è in giro..eppoi c'è un limite a tutto,basta,sei stata una star negli anni 80=stacce....non è piu' er tempo tuo....ekkekavolo

Annabelle Bronstein ha detto...

Bravo Insy. Approvo vivamente quello che hai scritto. Io il Mieli non lo capisco proprio più. Ma qui si parla solo ed esclusivamente di promozione teatrale. Pero' sarebbe ora di darsi na svegliata, già non ci considera nessuno... Così poi... Comunque io pure boicotto e mi sta a casa, domani giusto lavoro...

AB

Anonimo ha detto...

A titolo di cronaca riporto il fatto che Lorella è stata ampiamente contesta e fischiata da tutto il pubblico presente a Muccassassina tanto da non riuscire a parlare serenamente. Ha tentato di giustificare la sua opinione tirando in ballo la fede cattolica. Alla fine stizzita e innervosita se ne è andata. Per una volta sono fiero dei froci romani. Andrea

Anonimo ha detto...

peccato che questa contestazione si stata tutta intra-nos. Le sue dichiarazioni erano sui vari giornali. I nostri fischi no. C'est la vie.

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

BENE!!!! ANdrea, mi fa molto piacere!! Felice che le mie aspettative siano state smentite!!!

Anonimo ha detto...

commenti patetici,attacchi sterili,vuoti,pretestuosi e assolutamente insignificanti.
facciamola finita con queste polemiche pilotate. La Cuccarini non è un mostro per esser contraria ai matrimoni gay,visto che ha ampiamente ribadito che è favorevole alla regolamentazione delle unioni di fatto per i gay. Basta usarla a vostro piacimento dandole dell'omofoba perchè il tutto è quasi ridicolo e grottesco.
Una persona che ha il coraggio delle proprie azioni e delle proprie parole non puo'essere tacciata da una frangia di froce intellettuali o quasi ,per una omofoba.Dove sono queste finocchie paladine dei diritti civili? NON VI HO MAI VISTO NE'AL PRIDE,NE IN PIAZZA NE'OVUNQUE,MA SOLO NEI VOSTRI BLOG che denigrano il Mieli e Muccassassina.Non prendetevi troppo sul serio e rendetevi conto che muccassassina è una festa,e non il politbureau del movimento glbt.Quello si fa altrove.

diber ha detto...

Ahahahah "Muccassassina è una festa..." perché nelle feste sarebbe lecito offendere, discriminare... mah! La Cuccarini ha il diritto di avere una visione cattolica, discriminatoria, sessista, razzista e omofoba del matrimonio e della famiglia, noi, io, ho/abbiamo il diritto di criticarla, di avversarla, di fischiarla dappertutto per queste sue idee.

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

caro ANO delle 08.14, e permettimi di chiamarti con il tuo vero nome IDIOTA, io non ho parlato di omofobia in nessuna riga, ho criticato e ribadito più l'atteggiamento del circolo che il suo. Poi caro IDIOTA per tua informazione io faccio il praid sin dal primo mai fatto a roma, mi sono fatto fiaccolate e c'ho pure preso botte per i diritti dei ghei e non. quindi prima di dire delle sonore CAZZATE, informati delle persone alle quali rivolgi delle accuse. E' per gente come te che mi pento quasi di essermi speso per il movimento come invece ho fatto. CRETINO!!!!!!

PS: scusate lo sfogo ma quando leggo delle puttanate del genere mi sale il sangue al cervello

Paolo ha detto...

Ecco come Repubblica racconta delle contestazioni a Lorella Cuccarini:

http://roma.repubblica.it/multimedia/home/22788498/1

...

Come?? Non c'è scritto niente? Uno che non era presente dovrebbe pensare che i gay ospitano con gioia una che nella battaglia per I NOSTRI DIRITTI sta dall'altra parte?

Come?? E' un problema di Repubblica? No no no no, penso che sia un problema per i gay, e per quei personaggi che l'hanno invitata senza schifarsene come avrebbero dovuto.

Purtroppo l'Arcigay è l'associazione degli imprenditori gay, e il Mario Mieli sta mostrando grande desiderio di seguire la stessa strada.

Dai, la prossima volta invitiamo Fiore e Forza Nuova, così diamo una patente di legittimità democratica direttamente ai fascisti che ci bruciano per strada, tanto sono pure tutti maschioni e ci rifacciamo gli occhi, e chissà che non ci scappi una bella pompa.


Paolo/UgualiAmori

diber ha detto...

"Cuccarina_al_Muccassassina" è uno dei risultati della fallimentare "strategia" adottata negli ultimi anni dalle principali organizziazioni omosessuali e da personaggi glbt (Grillini, Concia, Luxuria), passati in parlamento, ad uso strettamente elettorale da parte di partiti che si sono dichiarati, ipocritamente e parzialmente a favore dei diritti glbt. Rivendicare, tentennando, quasi vergognandosi, pezzi di diritti, diritti ridotti, annacquati (vaga regolamentazione di coppie di fatto) invece, dei Diritti veri, quelli di tutti, matrimonio, figli (famiglia), ha prodotto, sul piano socio-politico-giuridico e del costume addirittura passi indietro e, sul piano degli avvenimenti e della cultura la possibilità naturale, festosa d'immischiarsi, d'inciuciarsi, con chi ci discrimina, ci considera cittadini di serie B, "figli di un dio minore": Cuccarina_al_Muccassassina.

Anonimo ha detto...

Ciao Insy,
ho letto su un altro blog le motivazioni date da un dirigente del Mieli circa l'invito fatto alla Cuccarini. In molte parti della sua intervista il dirigente fa riferimento a "personaggi dello spettacolo legati al mondo gay". Mi chiedo, qual'è la relazione tra l'essere gay e la Cuccarini? Tra l'essere gay e la Ferilli? L'invidia delle tette? Ma dove sta questo legame? Non potremmo essere semplicemente come tutti gli altri semplici fan di questo o di quello? No... per noi c'è il mitico "legame"...
Ora non saprei spiegarmi, ma leggerlo mi ha fatto sentire banalizzato, ridotto ad un cretino che lancia urletti a questi pezzi di sorca quasi a sublimare qualcosa che io non potrei essere mai. Che il Mieli individui un legame tra il gay, in senso lato, e questi quattro quarti di inutilità siliconate è la vera cosa deprimente di tutta 'sta baracconata. Io il legame con 'sti sfattumi non me lo sento proprio e che debbano venire in casa mia a dirmi pure che non ho capito e che loro sono prodondamente cattoliche e che quindi distingui di qua e distingui di la mi urta abbastanza. Le brache, caro Mieli, le calo solo davanti ad un bel batacchio voglioso, ma davanti a 'ste fighe di plastica me le metto di ferro. Forse sarebbe il caso di finirla con questa deriva masochista che deve portarci sempre a dare a questi scarti il diritto di venire a spiegarsi in casa mia. Presume sempre che io non capisca mai cosa vogliano dire. Che io fraintenda sempre. Ed invece no! Invece Lorellina è stata chiara, com'era stata chiara quell'altra sdivanata de roma. E mi va bene! Abbiano pure le loro idee, vadano a cagarsele due passi dietro al culo mio però.

Anonimo ha detto...

Bisognerebbe ricordare a queste svergognate che darla ai quattro venti non è esattamente la forma di apostolato che si addice a questo fior fiore di passione cattolica. Che il Mieli ci faccia fare la parte delle costumiste poi è ancora più penoso. Mi sa che le associazioni gay hanno un poco perso di vista la realtà i questa rincorsa sfrenata a qualsiasi parolina buona da parte di questo e di quello svilisce. D'accordo che molti di noi amano dar via il culo, ma fatemi almeno decidere a chi però. Sono stanco di avere come icone (ma chi l'ha deciso poi?) sempre delle mignotte ripulite. Sai che c'è? Essendo che mi piace la fava vorrei avere come icona qualcuno che riempia a dovere la patta dei pantaloni. Si può?

Rainbow ha detto...

Sono d'accodo con quanto espresso dall'Anonimo di cui sopra (cavoli, ma un po' di coraggio delle proprie idee no, eh?)
Io per me osservo che ogni gruppo, categoria, ecc. ha la sua percentuale di stupidi, come ebbe a dire Carlo m. Cipolla nelle sue immortali Leggi della stupidità. Noi gay non siamo certo un'eccezione a questa regola.Io aggiungerei che fra gli stupidi c'è anche una percentuale di ARCIstupidi...

AtenaG ha detto...

http://atenaglaukopis.splinder.com/post/22173151/Il+moralistino+dell%E2%80%99ultima+o