domenica 17 febbraio 2008

IL VENTO DELLA MORTE.


Sono tre le cose da controllare quando si esce per andare in discoteca: le pozzanghere che si formano sotto le ascelle (personalmente in casi estremi metto della carta igienica raccattata nei bagni e ne faccio delle alette assorbenti), avere le mutande pulite (non le metto proprio così ho un pensiero in meno) e l’alito gradevole (meglio rischiare un ricovero per ustione da mentolo alle papille gustative che costringere i miei amici a passare la serata in apnea).
Mi sono venute in mente questi tre fondamentali del buon vivere proprio ieri sera in discoteca dopo aver respirati i fumi venefici di colui il quale, con un sottilissimo gioco d’allusione, chiamo “il Fiata”.
Questo è un appellativo che s’è conquistato non a causa di un singolo episodio d’alitosi, cosa che per altro capita a chiunque abbia, che so, fatto l’errore fatale di mangiare un piatto di puntarelle con le alici o sia di origine calabrese (lì, aglio, peperoncino e cipolle ce l’hanno nel codice genetico).
Il Fiata ha un problema ormai cronico e di una portata pari alle armi chimiche di distruzione di massa di Saddam (che la CIA cercasse nel posto sbagliato?).
Insomma, persona cordialissima e, proprio per questo, piacevolmente ciarliera ma se ti attacca bottone per più di trenta secondi, inizi a sentire cori d’angeli e a vedere un tunnel con una forte luce bianche in fondo e una voce celestiale che ti invita a raggiungerlo “li dove si sta meglio”. E per sentirlo io che in discoteca solitamente bevo così tanto da anestetizzare i recettori del naso potete immaginare la portata del problema.
Dicono che l’olfatto sia il senso che maggiormente rievoca episodi, situazioni, luoghi della nostra vita (un po’ come quella ricchia di Prust con le madlen). Ecco i suoi effluvi sono talmente potenti da ingenerarle addirittura le immagini perciò, se vi siete sempre chiesti cosa si possa provare a camminare tra le strade delle baraccopoli di Calcutta, posso darvi il suo numero di telefono (il suo alito tanto passa anche attraverso le linee telefoniche, quelle telematiche e satellitari). Ora sarà pur vero che Napoli si sta schiattando dalla puzza a causa della mondezza accatastata per le strade, ma un intervento dell’esercito io credo abbiamo tutto il diritto di chiederlo anche noi conoscenti del Fiata.
Mi sono anche chiesto se non fosse un obbligo nei confronti della comunità trovare il coraggio di dirgli che forse dovrebbe variare la dieta o verificare che non abbia degli organi interni che stanno frollando come cacciagione, magari lasciandogli un bigliettino anonimo sulla sella della moto, ma non ho ancora trovato il coraggio di farlo.

17 commenti:

Gan ha detto...

Insy, perdonami se sò de coccio, ma non ho capito una cosa. Dici che fra le tre cose da evitare c'è l'avere le mutande pulite. Quindi leggendo si potrebbe dedurre che per andare in disco bisogna rigorosamente avere le mutande sporche e puzzolenti, al massimo non mettendole proprio se in casa non se ne trova un paio abbastanza sudicio; dicessero mai che siamo provinciali...che siamo tirati. Siccome ti conosco come personcina tanto tanto ammodo, mi sa che mi sto sbagliando io, o che magari il senso della prima frase del post è diametralmente diverso da quanto vi si legge.

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

Grazie GAN, un errore di trascrizione :) oppure sono solo uno zozzo:)

Satanik ha detto...

...mio caro Insy quindi ora sai quello che provo quando ho in giro il mio collega...il suo problema però purtoppo non si limita all'alito ma all'intero suo essere, abiti compresi.Ogni lunedi mattina passo in un negozio a comperare due flaconi di oust al limone, una volta il dio greco in terra che lo gestisce(biondino, occhio ceruleo, corpo scolpito e culo da infarto)mi ha chiesto sorridendo come mai facessi un uso così continuativo di siffatto deodorante, ed io gli ho spiegato il problema, lì per lì non mi ha creduto ed allora gli ho detto di passare in videoteca da me...anche per rifarmi gli occhi naturalmente.
Il povero poi effettivamente è passato, e dopo essere quasi stramazzato mi ha giustamente detto:"hai ragione si tratta effettivamente di legittima difesa" e da allora ogni lunedi mi fà trovare i flaconi direttamente alla cassa già pronti....tuo Satanik

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

SATANIK, storia commovente davvero ma adesso caccia l'inidrizzo del negozio del bono!

frontixx ha detto...

...la carta igienica ascellare... una vera trovata... però poi come lo giustifichi al bono di turno??? confessare l'iperidrosi o affidarsi a scuse eccentriche (tipo "detesto gli spifferi sotto l'ascella"???)... no, meglio il deo all'alluminio cloridrato, anche se riconosco che il nome spaventa un po'...;)))

sabato NON a pranzo al mare... ha detto...

il fatto che tu ti riferisca al bigliettino sulla sella della moto mi fa ben sperare che il Fiata non sia io, visto che sabato sera abbiamo sì passato del tempo insieme in disco ma io una moto non la posseggo... :))

Anonimo ha detto...

se lo conosci abbastanza,ti consiglio di farglielo notare anche in modo piuttosto scherzoso-esagerato,del tipo.....:"mammamia,ma che hai mangiato bruschette stasera?";lui riderà,ma punto nell'orgoglio e cosciente che non tutti hanno l'olfatto fuori uso a causa di un corto circuito del tagliapeli del naso,la volta successiva che ti inconterà,nn vorrà altro che sentisi dire che il suo alito sa di violetta di Parma,anche a costo di cantarti "questione di feeling"per tutta la sera,e di farsi saltare un'otturazione affinchè gliela controlli.

Io è meglio che taccia,che in un raptus di fame delle tre di notte,ho appena mangiato un'abbondante dose di melanzane alla griglia con aglio e aceto,gargarismi all'ambipur sto arrivando!
bagley

Anonimo ha detto...

Io avevo una compagna di classe che-per motivi di privacy non dico il nome ma solo il cognome: La Fata - simpaticamente ribatezzata : la Fiata.

Dario

Quadraretto View ha detto...

Si il Fiata è una calamità, secondo me non serve a niente dirglielo , è la dieta iperproteica che lo sta macerando e lui non ci rinuncerà mai...meglio i pettorali che una buona conversazione!

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

caro SABATO, ero convinto che ti saresti sentito chiamato in causa, ma è ovvio che non cel'avessi con te. Tutto ti si può dire trannche ce tu non sia un apersona profumata:)

caro BAGLEY: ma che battute. E' pure privo di ironia...

DARIO, sei una merda. Ma sai che anche io coonoscevo un certo La Fata, ma essendo un cesso, ho creduto per anni fosse un soprannome particolarmente crudele...

caro QUADRARETTO, tu c'eri sabato, ti prego aiutami a dire che chiavica c'ha in bocca!

Dott.ssa Tyrone ha detto...

L'alito cattivo è sintomo di una disfunzione dell'apparato digerente in particolare dell'intestino (il soggetto segue una dieta iperproteica quindi squilibrata e nociva per l'intestino). Con gli anni le disfunzioni dell'intestino possono portare ad avere seri problemi (diverticoli, tumori...). Io gli direi di farsi fare una visita e una dieta seria (se proprio non può rinunciare alla iperproteica dovrebbe abbinare alle proteine grandi quantità di frutta, verdura e acqua). Lei, signor Insy, è molto simpatico e sensibile e se fossi in lei direi schiettamente all'amico che ha un alito tremendo e che sicuramente è ammalato e che quindi si dovrebbe curare.

sabato NON a pranzo al mare... ha detto...

beh, grazie per la rassicurazione... anche se quel 'tutto ti si può dire' mi lascia un pò perplesso... :)
vabbè, mi accontenterò di essere una persona profumata...

stee ha detto...

prova così...
http://www.youtube.com/watch?v=KMlG80zDqYI

Anonimo ha detto...

Insy io sono di origine kalabrese ma fidati....l alito nn puzza... kredo ke tu abbia sbagliato kategoria... dovresti rettifikare in pasta kon le laici o di ki ha un pessimo rapporto kon lo spazzolino e dentifricio

Anonimo ha detto...

L'helicobacter pylori potrebbe essere la causa dei problemi del tuo amico. Io ci proverei a dirglielo senza paura di perdere la faccia. Se non capisce il tuo aiuto non vale la pena continuare a parlare con lui e quindi in tutti e due i casi avrai ottenuto quello che vuoi.
Saluti.
Elio

Anonimo ha detto...

Insy, vedi un po' qui, notizia fresca di giornata:


http://www.corriere.it/salute/08_febbraio_19/naso_laser_alito_7a9bddfe-dee6-11dc-9d37-0003ba99c667.shtml

Satanik ha detto...

....ti piacerebbe vero insy....sai in zona san giovanni-piazza tuscolo c'è n ristorante con una pecora che fà angolo...la via è quella...