domenica 13 aprile 2008

MAI "PIU'" SPEIS.


Sono arrivato al CD quando ormai i lettori mp3 ce li avevano anche i pastori sardi.
Al cellulare solo dopo aver capito che con i segnali di fumo era un problema comunicare dopo il tramonto o con condizioni di tempo piovoso.
Insomma non sono di quelli che colgono le tendenze al volo e le fanno subito proprie, soprattutto se hanno a che vedere con la tecnologia.
Stessa cosa quindi per Maispeis.
In piena sindrome da escluso, ho deciso la settimana scorsa di aprirmene anche io uno, lanciandomi in questa specie di loggia massonica virtuale.
Visto da profano a me sto Maispais mi sembrava una cosa senza senso ma solo dopo esserci entrato, uniformandomi ai riti degli adepti dello “spazio”, mi sono reso conto che non è lo sbuccia ricci di mare l’oggetto più inutile in mio possesso.
A parte che quando ho finito di scegliere i colori per lo sfondo, quello per i bocs, quello per le scritte, per il riquadro delle mail in entrata, in uscita, i contatti, c’avevo messo così tanto che ormai ero entrato in andropausa, l’imbarazzo più forte l’ho provato nel compilare tutti i riquadro che il format dello speis prevede (visto che anche qui ce ne è uno da rispettare come quello dei Realiti che impone sempre un concorrente che, a un certo punto sbrocca, bestemmia e viene cacciato come Adamo dall’Eden). In realtà potrei ignorarlo ma per una mia forma di nevrosi, se non rispondo sempre a tutto mi sento uno che conduce una vita piatta e senza riferimenti (mmhhh…).
Passino i campi più ovvi come film preferiti e musiche (quello te lo chiedono ormai Anche se devi affittare una bicicletta a villa borghese) ma la domanda che mi ha lasciato più perplesso è stata: qual è il tuo eroe. Il mio eroe? Insomma dopo aver letto che per alcuni il libro preferito è Il profeta o Il piccolo principe (per quanto mi riguarda, motivo più che sufficiente per evitare ogni contatto con l’individuo anche se avessi contratto la malaria in Amazzonia e lui fosse l’unico ad avere l’antidoto in tutto il sud America) e ascoltare solo musica elettronica di gruppi islandesi (ovviamente parte a palla la traccia audio e li capisci che deve essere uno di quei metodi di tortura usati nelle carceri antiterroristi di Guantanamo per farli parlare), ti trovi a dove leggere chi è il loro eroe che invariabilmente, visto che quelli che incontro sono tutti saiber recchie, sono solitamente Madonna, Biorc o Ledi D.
C’è poi il campo dedicato agli amici: ora io sarò uno che da troppo valore alle parole ma definire amici uno che ti aggiunge alla sua collezione di fotine, che vive nel nuovo galles australiano e con il quale il solo scambio avuto è una frase (anche questo di defolt per i maispeisaroli): “grazie di avermi aggiunto”, mi sembra un po’ una sopravvalutazione del termine amico. Ho visto gente avere addirittura 4000 “amici”. Io così tante persone non le vedo neppure in 4 mesi di struscio a via dal Corso.
E poi mi chiedo, i tuoi amici, quelli veri, li senti per meil, per telefono, per sms, per lettera cartacea se sei uno in stile Ugo Foscolo, quindi che senso ha dirsi “ti voglio bene” su maipsdeis facendo leggere i cazzi tuoi a tutto il mondo?
Esibizionismo per esibizionismo tanto vale mettere le foto con l’autoscatto di quando giochi alla cavallina con le maschere da coniglietti.
Insomma sto maispeis a me sembra la quintessenza del narcisismo mediatico. Un manifesto egocentrico per mostrare chi si è attraverso tante immagini e pochissime parole.
Quello è quello che ai miei tempi era la Smemoranda, il cui volume già cospicuo a fine anno era più che raddoppiato per aver messo ritagli e figurine di ciò che ci rappresentava.
Un modo alternativo di rimorchiare per gli ipocriti che criticano le ciat dichiaratamente erotiche ma che dopo due messaggi, ti chiedono lo stesso se hai msn (e da li in poi è la stessa solfa di sempre). In definitiva ci si mette in vetrina con la sola differenza che al posto della spazio dedicato a “ruoli e dimensioni” devi fare uno sforzo di fantasia maggiore inventandoti di aver letto chissà che cosa e di idolatrare chissà che eroe.

41 commenti:

Anonimo ha detto...

INSY SEI TROPPO AVANTI... noi lo diciamo sempre... my space è il GAYDAR degli ipocriti!!!
... a proposito vuoi inserirme nel tuo ELENCO SPACE???

Kaishe ha detto...

Io sto pensando allo SPEIS se le elezioni vanno diversamente da come vorrei io...

Buona giornata ad Insy e a tutti i suoi lettori... e pure all'Italia...

iltequila ha detto...

Ciò che hai scritto (molto bene) in questo post lo condivido completamente. Volendo si potrebbe anche aggiungere che, per persone insicure, incapaci (o anche entrambe le cose insieme), l'inventario degli "amici" è un modo per sentirsi più autorevoli ed illudersi di essere meno soli. Inoltre c'è la rassicurazione di aver raggiunto almeno un obiettivo nella vita: misero, inutile, ma inspiegabilente semplice da perseguire.
MySpace è uno spazio in cui si scelgono gli "amici" in base agli stacchetti musicali e/o alle fotografie pubblicate: ognuno è l'annuciatrice di se stesso e sceglie la sigla del suo personale programma.

Anonimo ha detto...

Mai speis è veramente inutile, bravo insy

LA WANDA GASTRICA ha detto...

Ehm ehm ehm io ho ricevuto diversi contatti di lavoro tramite il mio myspeis... :D:D:D

La Wanda Gastrica

Anonimo ha detto...

Ma sei simpaticissimo!Ti posso aggiungere sul mio myspace?!


Stavo scherzando, smetto subito e vado a dipingermi le unghie di nero.

frontixx ha detto...

...comunque ha già degli amici bellini bellini... complimenti...;)))

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

FRONTIXX: chi ha amici bellini?

frontixx ha detto...

...ma tu, no? su myspace!!!

frontixx ha detto...

...dai che sono bellini!!! se però non ti interessano, interessano a me...ihihih

ri ha detto...

io infatti non il my space. non mi sembrerebbe che l'ennesimo collare.

primo ha detto...

'azzo! siete severisSSsimi oggi..
io ho la mia paginetta myspace da un bel po,
e per quanto mi possa impegnare ad argomentare
so benissimo che è stata la mia parte "piaciona"
a spingermi ad aprirla. Quindi ficco in tasca
e porto a casa l'appellativo di narcisista..
quello di ipocrita mi sembra un po esagerato;
in fin dei conti internet fiocca di siti dove
si può liberamente descrivere le dimensioni
del proprio cazzo con dovizia di particolari,
anche fotografici, e senza l'obbligo di
pubblicare foto del viso o dati personali..
quindi forse c'è una differenza d'intenti,
anche minima, tra chi sceglie Gaydar e
chi Myspace. E non è detto che chi lo fa
debba essere un casoumanoderelitto che
scambia gli AMICI coi "friends"..
Intendiamoci, è chiaro che parliamo di
un contenitore di cazzate, ma chi si aspetta
i "CONTENUTI" da myspace forse cerca nel
posto sbagliato, o no?
Io sono sempre dell'idea (tral'altro
BANALISSIMA) che un mezzo è solo un mezzo,
è l'utilizzo che ne fa il singolo a
fare
la differenza. Poi, chi non è mai stato
"annunciatrice di sè stesso", soprattutto
tra i frequentatori di blog, scagli sta
prima pietra.

p.s.
il nick del myspace a sto giro non lo metto,
m'avete messo in soggezione! 'stardi!!

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

FRONTIXX: sai ceh i miei amici sono amici anche dei miei amici se sono miei amico. tu sei mio amico?

PRIMO: sono d'accordo con te sul fatto che il mezzo non sia il messaggio. ma pensoche sia un mezzo piuttosto inconsistente. poi mangari uno via MS ci trova anche altro.

Iceskater ha detto...

Non mi massacrate per favore, ma perchè vi accanite tanto? Se lo vedete solo come un modo in più per fare cruising - che ben inteso è un altissimo e nobilissimo scopo - sono al 100% d'accordo con tutto quello che è stato scritto: c'è già gheidar e ci si mette molto meno a riempire la scheda. Nella mia, di prospettiva, maispeis è invece proprio un posto per "conoscere", nel senso di ampliare il giro e possibilmente farsi - non nel senso sessuale - nuovi amici, come succederebbe ad una festa quando incontrando qualcuno gli chiedi cosa fa nella vita e di che si occupa, per poi magari scoprire che ad entrambi fanno schifo Scer e Caili Minog (lo so, questo a una festa reale non succederebbe, ho preso l'esempio sbagliato)! Va da sè che uno dovrebbe essere il più possibile se stesso e non scrivere cazzate tanto per riempire i bocs...
E per finire, attirandomi definitivamente l'odio del geniale autore del blog che dopo questo post mi bannerà: se uno speis è una vetrina per narcisi, allora un blog che cosa è?

ri ha detto...

non saprei dire nulla se non che non trovo proprio motivazioni ad avere un my space. il blog è si uno strumento narcisistico, ma sono i contenuti a fare la differenza. Il narcisismo non è un problema, è l'assenza di sostanza che lo è. Ma poi nulla toglie che ogni caso è a sè, ma in senso generale le cosine lì sono piuttosto imbecilline. O no?!

18N ha detto...

Insy nooooo!!!! Non farti il maispeis: è roba da quartini sfigati coi brufoli. E poi non ho ancora trovato i tuoi profili sugli altri siti... Anche se non ve ne frega niente, è ufficiale: sto diventando grande (questa mattina voto per la prima volta).

Buona scuola a tutti :-)

PS: Insy, mi spiace ma abito a milanocity, patria dell'expò e del macchiato caldo per ricchioni. Mi sa che non puoi farmi da ragazzo pon pon alla prossima partita.

frontixx ha detto...

...massì che sono tuo amico...però solo qui sul blog...un giorno o l'altro prenderò coraggio (ed anche un abbondante cocteil di alcol e ansiolitici) e ti sottoporrò la richiesta di accettazione su maispeis...;)))

Enrico* ha detto...

Io personalmente ho fatto il MaiSpeis solo per seguire il mio cantante preferito (che nessuno conosce)...
Poi da lì sono venuti i millemila "amici"...
Che però devo ammettere sono piuttosto inutili, tanto gli amici che contano, li vedo e li sento in altri modi...

Anonimo ha detto...

Ho passato il mio momento myspace qualche mesetto fa.
Insieme alle mie amiche, ci siamo costruite tutte la nostra simpatica paginetta, dopodichè, soddisfatte per essere anche noi nel cyberspazio,ci siamo chieste: "E adesso che ci dobbiamo dire che tanto ci vediamo tutte le settimane??!!"
Dopo aver scoperto questa grande verità ho abbandonato il mio myspace alle cyberagnatele..
GiTTu

redrum_che_non_sa_quale_link_mettere ha detto...

io un myspace l'ho aperto un mese fa solo per permettere a chi le aveva di caricare le foto del pimp my party. Ora che le ho trasferite sul mio flickr, il myspace è già defunto. a proposito di gaydar devo dire che è divertente solo finchè sei tra i nuovi iscritti e tutti ti guardano e ti scrivono pensando "è carne fresca!". invece, il mio wordpress sarà roba da narcisi, ma ho sempre pensato che scrivere i cazzi mia su un blog sia terapeutico per me. MSN è uno strumento che adoro perchè ogni tanto scrivo a qualcuno dei miei contatti che altrimenti sentirei + raramente, e con gli amici soliti mi fa risparmiare milioni in cellulare. un sito che uso invece è aSmallWorld, che sì è una community di fighetti che se la tirano ma torna utile quando si viaggia o si cerca casa, per avere delle dritte. Ora c'è anche CosmoCircle, la sua versione gaya ;) e ovviamente non manco! Facebook lo odio per quella menata dei programmini stupidi che mi mandano di continuo e LinkedIn in fin dei conti mi pare alquanto inutile.

Ora credo manchi solo la community dei piccoli bambini di Satana, il circolo virtuale del Bridge della Padania e la Rete dei fan del pescasportiva (notare il fine gioco di parole tra pesca e rete...) e poi sono davvero in tutti i siti di social networking esistenti. Alla faccia della privacy... :)

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

ICE: ma figurati se ti massacro. E' vero che può essere un veicolo di conoscenza ma a differenza di una festa, manca tutto quel contatto fisico che, lungi dall'avere finalità erotiche, fanno si che due persone si piacciano e decidano di diventarepoi amiche.
Vero, anche il blog è uno strumento narcisiticoma non intendo il narcisismo un atteggiamento negativo.

RI
riassume perfettamente quella che è la mia opinione sui blog.

FRONTIXX: addirittura alcol e ansiolitici per "addarmi" ai tuoi amici?

ENRICO*: ma senon riesci a gestire una festa a Castelfranco come puoi pensare di gestire dei saiber amici?! :)

GITTU?: adoro le tue considerazioni sempre così lebicamente stringenti:)

RTEDRUM: ma farti una vita vera, no? :)

ghettoculturale ha detto...

Ma...il link 'ndo sta?

Enrico* ha detto...

Io infatti non gestisco né i miei saiber amici, né le feste a Castelfranco (ma poi era di Sopra o di Sotto??)...
É qualcun altro che non riesce a gestire la sua posta!!!

Quadraretto View ha detto...

Myspace? E' la versione aggiornata dei FRIEND'S PEN, quando ero piccolo all'ultima pagina dei fumetti c'erano le caselle postali per cercare amici di penna. io x quasi un anno mi sono scritto con una ragazzina immigrata a Colonia, lei era una grafomane compulsiva, i le spedivo una lettera e lei 6 con cazzate inutili tipo quello che aveva mangiato, come si vestiva,come a scuola la prendevano in giro , poi ci siamo mandati le foto è purtroppo ho capito perchè non aveva altro da fare e a scuola era il bersaglio la foto si può chiamare "bambina obesa e brutta con baffi e la molletta tra i capelli)fu lunghissimo scaricarla.....non è la stessa dinamica del myspace e delle chat?
Morale:Insy ritorna alle lettere spedite, all'attesa dell'arrivo del postino, così ci metteranno un pò di più ogni volta x scaricarti.

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

GHETTO: ho cancellato lo speis

ENRICO*: mi sa che castelfranco esiste solo di sopra.

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

QUADRARETTO: non ci provare con me, io ti conosco. quando eri piccolo te si scriveva ancora sulle tavolette d'argilla e colonia ancora si chimava Colinium.
PS: ti ricordo stasera X Factor cez moi.

Quadraretto View ha detto...

...sistasera ok, ma niente carboidrati io e barfly abbiamo deciso di dimagrire almeno 45 kg prima di maggio.

primo ha detto...

redrum + quadraretto :

AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!
Anch'io una volta tramite la scuola
avevo scritto una lettera ad un amico
di penna random.. e me ne era tornata
indietro una di un tal G. CULINI.
Non ho mai risposto.

redrum_ ha detto...

insy: certo che ce l'ho una vita vera, io. devo solo trovare l'URL sulla quale l'ho backuppata...!!!

Enrico* ha detto...

INSY: Secondo Google Maps no, esiste anche un Castelfranco di Sotto (PI)...

Quadraretto View ha detto...

enrico
hai fatto bene a non venire alla festa a cestelfranco, dopo le foto di spetteguless che svelano il suo vero volto(si dice così anche in questi casi?),per te scoprire che Insy è praticamente la vesione brutta e checca del sudetto ti avrebbe distrutto, almeno la voglia di scrivere su sto blog

indeciso ha detto...

Si può essere più brutti?

Quadraretto View ha detto...

No enrico schezavo Insy è un tipo.
Ho uno slogan provocatorio e inteliggente !
DI NO AL MYSPACE!DI SI ALLA VITA!
bello è? sto slogan spacca proprio,speriamo che non lo censurino

18N ha detto...

REDRUM: ti sei dimenticato il sito porno in cui figuravi prima del party (a proposito, ho visto le foto su flickr: ma quanta coscia ha l'amica tua e di mani?)

simone ha detto...

non ho un maispeis e non so neanche come funziona. I miei amici (quelli veri che si contano sulle dita di una mano) li sento ogni giorno per telefono (messaggio se proprio non ho tempo, ma il tempo lo trovo quasi sempre). Non ho un blog, ma una specie di quaderno-diario dove ogni tanto annoto cose mie (che non c'è bisogno di rendere pubbliche, molto spesso già il semplice gesto di tramutare il pensiero in qualcosa di scritto ha l'effetto desiderato del rendersene consapevoli).

Io avrei sfruttato meglio il periodo pre-andropausa ;)

ps. non è per snobismo, ma io diffido dei lettori accaniti di coelho:
-se da adolescente hai letto UN libro di Coelho(se sei già un pò frollato Hesse), sei una persona curiosa;
-se da adulto (>18/20 anni) hai letto UN libro di coelho ed è diventato il tuo scrittore preferito, sei ignorante (evidentemente non sei a conoscenza di quelle robe chiamate librerie che di solito sono nelle zone commerciali delle città);
-se sei adulto ed hai letto PIù DI UN libro di Coelho, non solo sei ignorante, ma sei anche una persona banale.

Scusate il fuori tema.

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

SIMONEsono dei tuoi. preferisco chi mi dice di adorare Mein Campf piuttosto che L'lachimista.

Roberto ha detto...

Mammamia Insy, che esagerazione! Da qualche mese anch’io ho la mia pagina su MySpace e non la vedo come un’espressione di egocentrismo e narcisismo (quello forse un po’ si) o un luogo per ipocriti rimorchiatori. Non ho mai utilizzato quello spazio per fare del sesso, e neanche gli altri lo hanno fatto con me. E poi MySpace non vuole sostituirsi alla realtà o ai veri amici, che tristezza sarebbe. E comunque, le prime 10-15 persone della mia lista di friends, ad esempio, sono VERI amici, persone che frequento nella realtà o che ho conosciuto di persona. Ecco che quello spazio diventa un modo per stare in contatto con loro, mostrare le foto dei miei viaggi. Ti faccio alcuni esempi:
-Su MySpace ho ‘conosciuto’ la mia vicina di casa che mi diceva solo buongiorno e buonasera, e ora invece parliamo di tutto
-Su MySpace posso comunicare col cantante del mio gruppo preferito, che altrimenti non avrei mai conosciuto
-Su MySpace, vedendo la mia lista di amici, posso tenere il conto di tutti i miei ‘ex’ o dei miei ‘flirts’...rendendomi conto di quanto sono zoccola :)
-Su MySpace, da circa una settimana, posso vedere la tua bella faccia che mi mette di buon umore quando sono in ufficio (visto che è da maggio che non ti vedo di persona!).
Vedi che in fondo in fondo non è così inutile?

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

mio idolatrato ROBERTO, ti rispondo punto per punto:
- ogni forma di comunicazione racchiude in se egocentrismo e di narcisismo. Il solo ad averla fatta in maniera del tutto gratuita è stato Gesù Cristo, e per ovvi motivi. Essere egocentrici non è affato un male, sarei un ipocrita io se lo dicessi visto che ho un blog. Ho fatto solo una costatazione, anche abbastanza ovvia;
- il fatto che "alcuni" (e non tutti, per carità!!) lo utilzzino come forma edulcorata delle ciat più dichiaratemente "spinte" come Geidar o Geiromeo, anche questo mi sembra abbastanza evidente e anche in questo non trovo nulla di male se non una velata forma di ipocrisia;
- anche i miei top frend sono persone già conosciute in carne ed ossa ma, perdonami, nel mostrarli urbi et orbi, non trovo una razio (la qual cosa mi rendo conto non sempre deve esserci ma anche questa è una mera costatazione);
-i miei top frend, in qunto top, li sento tutti i giorni per telefono o per meil o per sms, favorendo oltretutto così una comunicazione più fluida rispetto a dei saluti messi in bacheca che spesso vedono rispasta dopo molto tempo;
-con la tua vicina di casa per diventarci amico, sarebbe bastato un piccolo sforzo in più di socievolezza, che so...le avresti potuto regalare una pianta che si appende e non sarebbe stato necessario incontrarla nel saiberMaiSpeis.
Ad ogni modo io non faccio discorsi assolutistici per cui non dico che non possano nascere amicize e, perchè no, anche amori. tutto è possibile.
- la conta dei "trofei" la faccio anche io e, credo, molte altre persone. io la chiamo "sindrome dell'arem" è comune a molti uomini, di qua e di la dalla sponda;
-da ultimo, se sei il Roberto che penso (ma non ci giurerei visto che per me il nome Roberrto equivale a "cercare Maria per Roma") ti ricordo che non è da maggio ma da Luglio che non ci vediamo:)
(sembro cacacazzi ma la mia è solo pignoleria)
INSY

Roberto ha detto...

Azz...hai ragione, ci siamo visti a luglio! Ma non era molto caldo e sembrava maggio ;)
E comunque 9 mesi son troppi, vediamoci presto.

Anonimo ha detto...

myspace è una cagate...qualcuno di queste persone che ha lasciato il commento ha il myspace pieno dei propri ex scopati...bella schifezza....bella schifezza ritrovarsi li come un oggetto "si son stato scopato pure io".

Anonimo ha detto...

ciao insy....vedi di scriverci qualcosa in più sul tuo dudesnude....rendilo un pò come il tuo myspace no?