mercoledì 16 aprile 2008

ROVESCIO SUL DIRITTO DI VOTO.


Alzo subito le mani. Io non ho votato. Non avevo la scheda elettorale e non mi andava di fare la fila per ritirarla. Il che significa che per il futuro o si decidono a far esprimere il voto via sms come per tutti i realiti che si rispettino o io nella cabina elettorale non ci metterò mai più piede.
Di conseguenza questo mio atteggiamento irresponsabile nei confronti della politica e del futuro del mio paese non mi permetterebbe di esprimere giudizi sull’esito delle votazioni.
Quindi non lo farò. Mi limito però a segnalare una serie di frasi, quasi tutte fatte, che ho sentito nei giorni di pre e post elezione e che mi hanno rincuorato sul fatto che "ci meritiamo questo governo" (la più comune delle frasi, qualsiasi governo salga al potere).

Avvertenza: le parole “destra” e “sinistra” sono messe senza una logica precisa visto che molte delle dichiarazioni vengono dette dai votanti dell’uno o dell’altro schieramento.

Partiamo:

“Tanto destra o sinistra sono uguali”
(provate ad applicare la stessa considerazione ad esempio alla guida di un'auto sorpassando a destra e dando la precedenza alla sinistra e poi ditemi se è così);

“Se vince la destra, io faccio le valigie ed espatrio”
(Malpensa non deve chiudere! Da sola Fiumicino non ce la fa a smaltire quest’onda migratoria);

“Ora con la destra al governo vedrete voi froci che vi succederà!”
(un vero peccato perché grazie al governo di sinistra ero riuscito a sposarmi, ad adottare 2 bambini e ad ottenere una casa comunale. E adesso comefaccio?!);

“Io non voto perché sono apolitico”;
(almeno io l’ammetto: la mia è pigrizia, ma volerla mascherare per una posizione di protesta non regge proprio);

“io non voto perché fanno tutti schifo”;
(stesso motivo di cui sopra)

“Non voto perchè questa legge elettorale non mi soddisfa”;
(come se sapessero riconoscere la differenza tra maggioritaria e maggiorata)

“Voto a sinistra così mandiamo fede sul satellite”;
(e io a destra così ritrasmettono “Chendi chendi” e “Gundam”)

“Voi non l’avete vissuto il fascismo, non lo sapete che significa” che va solitamente in coppia con “per i comunisti quello che è loro è loro e quello che è tuo è sempre loro”;
(che vanno a braccetto con altre frasi memorabili come “i neri hanno il ritmo nel sangue” e “il sonno perso di notte non si recupera più”)

“Se vince la destra me faccio la veranda abusiva tanto poi c'è il condono”;
(beato te che c’hai un terrazzo dove farla, io faccio asciugare i panni su uno stendino accanto a letto)

"Voto sinistra critica perchè c'è una donna;
(non l'ha vista nessuno tranne i collettivi lesbici)

“Io voto la Santanchè perché è una bella donna”;
(premesso che questa è una dichiarazione che grida “finocchio” a perdifiato, ricordo che questo non è un voto di scambio per cui se voti una donna diventi come lei, ma poi Daniela da quando è bella? Ha una pugnalata al posto della bocca con l’aggravante di avere anche il marito chirurgo plastico)


“io vado a votare ma sulle schede ci disegno un cazzo”;
(per fortuna in questi casi annullano il voto perché se lo attribuissero al candidato che meglio incarna il pittogramma non se ne uscirebbe vivi dai ballottaggi)

40 commenti:

Iceskater ha detto...

Un altro dei tuoi post magistrali. Ultimamente mi sento molto lesbo, infatti ho votato sinistra critica... e ci sono venuto da Amburgo per farlo (e te manco la fila a Via dei Cerchi, te possino)... in me ha prevalso l'ideologia e non il senso della realtà. Infatti sono una scema sognatrice e chendi chendi me fa una pippa. A parte questo, guarda, sono talmente incazzato con quello che NON ha fatto la sinistra (sinistra???? con la Margerita al governo? Con Binetti e Rutelli??? Con Mastella???) quando poteva e DOVEVA farlo - era sul programma e per questo gli avevamo dato il nostro voto e la nostra fiducia - che quasi quasi sono pure contento della finaccia di Veltroni e di tutto il carrozzone: un'altra pseudo sinistra edulcorata e pro-vaticano, fotocopia dell'Unione con qualche pezzo (i migliori) in meno. In un modo o nell'altro, per noi non sarebbe cambiato un cazzo... altro che "deriva zapaterista"! Ma quando mai! Adesso il vero smacco sarebbe che le cose che non hanno fatto loro le facesse la Lega... sai le risate.

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

grazie ICE: sono d'accordissimo con te, soprattutto sull'ennesima occasione mancata per la sinistra al governo di fare qualcosa per le tematiche sociali ma è difficile fare riforme importanti se hai IlSantoPadre che ti comanda a bacchetta (e comunque è una bella scusa questa per pararsi il culo da scelte presuntamente impopolari).
Forse per il ballottaggio al comune muovo il culo e vado a prendere il duplicato della scheda che ora si ritira all'EUR, non più a via dei cerchi (visto come però mi aggiorno:) )

Anonimo ha detto...

quello che manca è un partito popolare come il centro e laico come la sinistra. fintanto che non c'è - con qusti presupposti, beninteso-, non vedo differenza tra un governo berlusconi ed uno veltroni -
tranne per i conflitti e gli interessei personali.. ma nemmeno lui dura in eterno...

dM ha detto...

La vittoria del nano sicuramente mi scoccia, ma so anche che se avesse vinto il pd, considerati i figuri che ne fanno parte, non sarebbe stato troppo meglio.
certo, diritti civili, laicità, abolizione del conflitto di interessi, giustizia...ora non sono nemmeno piu in discussione: semplicemente ce li sognamo.
Che dire, l'Italia è un paese conservatore e cattolico, ma per lo più azzarderei dire anche pieno di teste di cazzo, che non hanno una visione ne della politica ne della vita, che votano chi si presenta alle interviste con piu cuscini sotto il culo perché, signore che portamento silvio berlusconi, che votano chi si impianta piu peli di plastica sulla cucuzza perchè, però che aspetto giovanile il cavaliere! Italiani, popolo di clienti del supermarket, frequentatori di pub, ladri di galline. Meritano di essere fregati, lo saranno.

Anonimo ha detto...

te prego scappiamo insieme.. pago tutto io. non ci vogliopiù stare quì

Kaishe ha detto...

Allora da noi c'era una botta di fantasia, perchè le due frasi erano:

Voto destra perchè a sinistra non ci sono valori (senza specificare se postali o altro...)
Voto sinistra perchè a destra parlano tanto del valore della famiglia e tutti ne hanno almeno due (e infatti pagare gli alimenti a tutte le mogli dev'essere un valore aggiunto non di poco conto)

redrum_ ha detto...

lo so che il post è cambiato ma io ho messo online alcune foto relative al post precedente, come promesso.
io le promesse le mantengo sempre... forse forse potrei candidarmi... tanto com'è intuibile dalle foto che ho tra blog e flickr, che ho sufficienti scheletri nell'armadio per intraprendere una carriera politica di tutto rispetto ;)

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

ANONIMO: DIMMI DOVE BASTA CHE MI PRENDI E MI PORTI VIA.

KAIS: da voi dove? :)

Kaishe ha detto...

FVG ... anzi, Carnia ...

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

KAI: ti dico solo che ho dovuto guardare su gugol, ma la geografia per me è un mistero come la conduzione di Buona Domenica alla Perego. E che città esattamente, visto che ho appena scoperto che la carnia è un'area...

halfblood ha detto...

fantstico il tuo post! eh no malpensa non deve chiudere....ma dovrebbero rinforzare anche lo scalo di capodichino....così parto direttamente da qui!

Anonimo ha detto...

non fare tanto il simpatico,resti comunque un caprone culopiombato che non è andato a votare :-)
bagley

Andrea ha detto...

E il luogo comune: è meglio la destra pura e dura di Berlusconi, perchè almeno loro hanno dei valori..,è un luogo comune frequente o me lo sono sognato stanotte???

simone ha detto...

io vorrei far notare la differenza tra la rozzezza sessantottina di quella burina della SinistraCritica e la classe trimalchionica della Santanchè, del suo tacco 13 e del suo sofisticato quanto mesciato accenno di shignon.

Questo è stato per me l'unico dato rilevante di queste elezioni, noiose come una conversazione calcistica nello spogliatoio di una qualsiasi palestra.

Cmq io non voglio emigrare. Se voi avete tutto questo dispiacere nello stare qui, quella è la porta. Anzi, dopo gli accordi di Shengen dell'85 non c'è più neanche la porta, siete liberi come batuffoli di ovatta al vento. E, anche se sono frocio, mi sono un pò scassato la minchia di pensare a chi votare solo ed unicamente per quelli che si propongono di fare qualcosa per i diritti GLTB.

Io non sono frocio, sono ANCHE frocio, e come tale mi preoccupo anche di sapere cosa ne sarà del mio futuro lavorativo una volta finita l'università, come farò meglio a destinare i soldi della mia ipotetica pensione, come dovrò comportarmi con l'acquisto di una ipotetica casa (di mutuo sociale ne ha parlato solo la Dani, a livello di populismo e demagogo, ma almeno ne ha parlato).

Certo che se mi offrissero un posto a Londra alla Kpmg, ADDIO ITALIA pure io, di sicuro non emigro perchè non approvano i Pacs.

MrZebra ha detto...

Bè io ero indeciso quest'anno. sul serio.
inizialmente volevo fare scheda nulla perchè non trovavo un rappresentante politico, e come ho sempre sostenuto, sentirsi senza rappresentanza politica è terribile.
poi ho pensato di votare il pd perchè diciamocelo...ho 21 in fondo io vivo di speranze e allora ho sperato che veltroni potesse almeno sistemare la parte sociale del paese...mica pensavo che avrebbe risolto tutti i problei che ci trasciniamo da anni schioccando le dita, però l'ho votato lo stesso.
alla fine io spero che berlusconi (per quanto non mi piaccia) trovi il modo di restituire agli italiani il potere d'acquisto e che salvi Alitalia (magari anche con appoggi mafiosi...tanto non sarebbe 'na novità)
l'astensionismo non lo condivido(e non lo pratico) ma spesso, umanamente lo posso capire.

Quadraretto View ha detto...

@Simone
democrazia è rispetto delle minoranze e a me rode il culo che per avere la speranza, e dico la speranza, di poter vedere riconosciuta la mia unione, debba aspettare 5 anni.
Ma è pieno di individualisti come te, per cui...va bene così.

P.S. Entrare in KPMG a Londra credo che sia abbastanza facile...ovviamente dipende da te e dalle tue aspirazioni...
Mi ricordi tanto la mia amica S, cassiera da Rocco Giocattoli...il cui sogno era passare alla cassa veloce..

Iceskater ha detto...

Rispetto l’opinione – antipodica alla mia – di Simone: io, prima di tutto, SONO.
E l’essere frocio non è un’appendice del mio essere, tipo optional dell’ultima versione della Yaris, ma E’ l’essere. E come tale, se uno Stato non mi riconosce come soggetto passibile non solo degli stessi doveri, ma anche degli stessi DIRITTI riconducibili alla sfera del Diritto Pubblico (matrimonio, eredità, reversibilità della pensione, etc.), semplicemente, per quello Stato, io NON SONO. E certo non darò mai il mio voto a chi non solo non mi riconosce come soggetto ma se potesse – come la Daniela – mi arderebbe sulla pira.
Scusate la botta da Gay-Pride.

simone ha detto...

ho scritto da qualche parte che i diritti individuali non sono importanti e che il loro riconoscimento è una questione secondaria?

Nel Regno di Utopia (o in qualsiasi paese europeo) le cose che avete detto vanno benissimo.

In Italia? No.
L'unico momento in cui un frocio si sente orgogliosamente tale è al GayPride o in una dark room, per il resto o fa la velata o si lamenta che non ha diritti. Tutti a piagnucolare però alla fine nessuno si espone più di tanto. Evvabbuò. Io mi sono anche un pò rotto le palle di lamentarmi a priori, sempre e comunque. Punto.

Non ho fatto un discorso ideologico, ma puramente pragmatico. Per i diritti GLTB non si vede la via da nessuna delle due parti? Vabbuò, almeno vediamo come va per il resto, visto che c'è l'imbarazzo della scelta sul "da dove comincio?"

ps @ quadraretto
sono contento per la tua amica che lavora da Rocco Giocattoli, cmq io sono ancora all'università. La consulenza finanziaria mi piacerebbe molto, ho detto la Kpmg perchè è una delle 4 "Grandi". Di certo non vorrei andare lì a fare le fotocopie. Cmq al mondo del lavoro mi devo ancora affacciare, quando avrò trovato ti farò un fischio.

Kaishe ha detto...

Insy... rieccomi...
Allora. Abito a Tolmezzo che è il paesotto più grande della Carnia (dove grande è un eufemismo perchè qui alcuni paesi hanno 100/200 abitanti per cui il grande si rapporta a queste dimensioni)...
Insomma abito in un posto ancora un po' "rustico", chiuso e poco socievole... ma io lo AMO!
Certo ha difetti.
Uno su tutti: sei sempre guardato e giudicato, talvolta anche per riflesso della tua famiglia di origine...
Io credo che la definizione più gentile sia "pazza"... ma non vorrei essere normale (spero di essermi spiegata più o meno)

Buonissima serata... io ti rileggo domani ma spesso passo senza lasciare tracce... ma mi piace "godere" del tuo spirito e della tua ironia...

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

KAIS: che bello deve essere vivere li, io credo che resisterei 36 ore ma me lo immagino un paese tutto prati e aria pulita. Quanto farebbe bene alla mia psiche ormai logora:)

SIMONE: non dar retta a QUADRARETTO è solo invidia perchè lui sta per andare ad aprire un chiosco di caldarroste a DUblino.

simone ha detto...

ma io mica me la sono presa :)

anche perchè non so se parla per esperienza personale o per sentito dire: in un caso non mi spiegherei la sua permanenza in Italia, nell'altro mi amicizierei volentieri quelle sue conoscenze che hanno avuto accesso in quel mondo in maniera così facile. :)

dildo baggins ha detto...

Insy, vergogna! non sei andato a votare! e io che mi sono fatto pure 4 giorni di seggio elettorale per veder vincere lo psiconano e tutta la sua banda... :(

Anonimo ha detto...

@Simone: vuoi entrare in KPMG? chiedi ai figli di Berlsuconi. fanno di tutto. :)

Anonimo ha detto...

@Simone: vuoi entrare in KPMG? chiedi ai figli di Berlsuconi. fanno di tutto. :)

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

ma qualcuno ha votato a destra? perchè qio come sempre pare che sono tutti di sinistra e poi vince la destra...

Quadraretto View ha detto...

Ho tanta simpatia x la semplicità dei gay di destra, votare la santanchè e sei Gay è puro Dadaismo.

gay dx ha detto...

Io sono di destra, pure militante...la sessualità non bisogna spiatterlarla in giro. Berlusconi è un grande!! io mi frequento con un tipo ma ne io e ne lui ci sognamo di dirlo.
i gay non fanno figli come gli etero e questo va accettato

Anonimo ha detto...

Sigh, io non mi sono ancora ripreso perchè mi hanno cancellato dal Parlamento e voi scherzate.

Destino crudele.

Macsi

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

GAY DX: bella vita! Complimenti. Ti vorrei solo dire che i ghei possono fare figli (mica siamo sterili) ma non ne abbiamo le condizioni politiche per farlo.

gay dx ha detto...

un bambino x crescere ha bisogno di una figura maschile e una femminile, poi con lo sviluppo decide se vuole essere gay prende l'orientamento femminile.ma che centra questo con gli stipendi bassi ,gli immigrati e le case che mancano?

airens2604 ha detto...

insy che non sei an dato a votarete la perdono solo perchè poi ci delizi con post del genere! :)

grazie a te,adesso ogni volta che entro al gs non faccio altro che chiedermi quale possa essere la cassiera che chiede la tessera punti al barbone!

MrZebra ha detto...

io sono gay ma non ho un orientamento femminile...che poi in cosa consisterebbe? la moda, l'estetica? quelli sono costumi sociali, non antropologici.
non mettiamoci a fare psicologia al bar per piacere.

airens2604 ha detto...

ops,mi è uscito qualche errore!scusate!

Anonimo ha detto...

@ gay dx:
scusa un pò, mi spieghi che ca... intendi dire con le parole:
"un bambino x crescere ha bisogno di una figura maschile e una femminile, poi con lo sviluppo decide se vuole essere gay prende l'orientamento femminile"
cio è: se io avevo la figura maschile tipo john wayne "decidevo" di diventare un maschione da paura e invece siccome mia madre è il clone della monroe ho "deciso con lo sviluppo" di diventare una frocciona persa?!?!?!? no no, aspetta aspetta -sono un pò tarda- mi son confuso è meglio che il bambino cresca con la figura maschile e quella femminile e poi "DECIDA" cosa vuole "DIVENTARE", perche secondo te noi decidiamo di diventare gay o etero?!?!?!
si era una questione di decidere o meno penso che il 99% di quelli che segui(amo) il blog di insy avremmo deciso per la via più semplice e conformista di ESSERE QUELLO CHE LA SOCIETA' SI ASPETTA DI NOI... ESSERE DEGLI ETERO CON UNA BELLA FAMIGLIOLA AL SEGUITO!!!!
BRAVO così almeno il BERLUSCA dovrebbe essere più orgoglioso del nostro voto VERO????
ti prego fa un po di pace col cervello....

INSY A PARTE TUTTO CHE FIGO LO STENDINO IN CAMERA (non ho capito però se in quella ALTA O BASSA? DIPUTATI O SENATORI?)SAI SONO BIONDA MARYLIN :)
baci cara sei sempre avanty....

Anonimo ha detto...

credo che Gay DX incarni proprio lo stereotipo del gay di destra: confuso.


firmato: stereotipo di gay di sinistra.

gay dx ha detto...

...siamo la maggioranza, ci sarà un motivo, SIMONE SEI UN GRANDE!!!
quà ancora a parlà di politica ! noi vogliamo i fatti!! noi gay abbiamo il voto e questo basta!
Simo concordi almeno tu, che se sei gay non lo devi spiattellare in giro?
Ho saputo dei vandali al MIELI, sarà vero o è una manovra politica di Rutelli?

simone ha detto...

forse si sta facendo un pò di confusione...

(ma ho scritto in italiano oppure in cirillico? boh...)

Forse ho sbagliato perchè di solito non commento qui ma altrove, quindi ho dato per scontato che la mia visione del mondo fosse già conosciuta. I'm sorry. Io non ho minimamente messo in discussione il riconoscimento dei diritti civili individuali. E' talmente scontato che per me coppia gay=famiglia (con tutto ciò che ne consegue, quindi reversibilità pensionistica, assistenza, possibilità di adozione, ecc...) che mi è sembrato superfluo ribadirlo.

Il mio andare contro certi atteggiamenti sinistroidi e frociaroli parte da un presupposto puramente pratico: io la scorsa volta ho votato La Rosa nell'Ano (visto poi dove ce l'hanno messo), che mi sembrava la vera novità elettorale. Deludente, molto deludente. In queste elezioni non mi sono neanche degnato di scendere per andare a contribuire ad elezioni dal già chiaro risultato elettorale. A me sembra che ovunque mi volti veda qualcuno non che agisce per il riconoscimento dei diritti della persona, ma per farci un favore. Sembra quasi un elemosinare qualcosa che in teoria dovrebbe essere una cosa scontata. Vi sembra normale che per i Pacs e la legge Anti-omofobia il governo ha rischiato di cadere per le minacce della Binetti che ci considera non roba da ardere su una pira, ma cavie da studiare in laboratorio per trovare l'antidoto GAY-OFF?

La Binetti esprime costantemente i suoi giudizi sull'omosessualità, in cosa differisce dalla Santanchè o da Casini, che sbandierano i valori della famiglia tradizionale (nonostante i loro divorzi e successive convivenze siano sotto gli occhi di tutti)?

Un gay che vota a destra sarà Dada, un Gay che vota Pd è surreale, o addirittura Nonsense (un pò come "Finnagan's Wake").

Conclusione: visto che di elemosinare e di piagnucolare mi sono rotto la minchia e che per il momento non se ne vede la via, concentro la mia attenzione sulle altre tematiche di interesse nazionale, esprimendo la mia preferenza in base a queste.

Mi sono spiegato un pò meglio?
Disponibile ad altri chiarimenti ove se ne renda la necessità.

ps. @ gay di destra
Io sono dichiarato in buona parte della famiglia (almeno quella che vedo sempre, cosa me ne frega dei parenti di ottavo grado che vedo solo ai matrimoni?), e con la maggior parte dei miei amici.

Quando avrai un figlio maschio gli insegnerai che i veri maschi non lo prendono in culo come fa il papino con grande soddisfazione e repressione. Complimenti. E' così che si crescono i figli nelle "famiglie tradizionali". Bah.

simone ha detto...

scusate la lunghezza del commento.

Iceskater ha detto...

@ Simone
bello il tuo commento, mi sei piaciuto veramente. La prima volta forse non ti avevo capito bene. Anche se io non lo farei mai, capisco perfettamente che molta gente ha votato "dall'altra parte" per stanchezza, delusione, nausea.
Temporaneamente vivo ad Amburgo, città con un sindaco gay, dove in ufficio è uscito fuori il secondo giorno che ero gay (mi hanno chiesto se avevo la ragazza e io ho detto di no perchè non mi piacciono) e nessuno ha fatto una piega, anzi mi hanno portato in giro per locali gay (colleghi etero intendo). A Roma, invece, la mia città, nè Veltroni nè Rutelli (mi fanno vomitare entrambi) hanno voluto istituire il registro per le unioni di fatto per timore degli strali del Vaticano e solo adesso che Rutelli si sta cagando sotto per il ballottaggio sta considerando l'idea di fare alleanze con l'Arcigay. Mi risulta difficile, in quest'ottica, darti torto.

@Gay DX
Mi rattrista molto sapere che se e quando il tuo partito riuscirà a fare una legge per il "mutuo sociale", tu dovrai essere costretto a fingerti qualcosa che non sei, cioè etero, per poterlo ottenere. Contento te.

NIKilista ha detto...

Simone,
la Santanchè i Gay come te, li usa solo come parrucchieri o dami di compagnia,pensa che ti aspettano almeno 5 lunghi anni di anticultura gay, di quel pò che cè di cultura della diversità si andra a far fottere, te voglio vedere quando andrai a chiedere lavoro e dovrai fingere di essere etero.AMBURGO è lontanissima oggi più che mai. il tuo voto conformista è un insulto a tutta la comunita gay e alla cultura delle differenze...cultura della democrazia.
Bravo tra i 2 mali hai scelto il peggio