giovedì 16 agosto 2007

PER UN PELO NON MI FIDANZO CON UN MARZIANO.


E sì che ero già pronto. biglietto in mano. Destinazione Rusuel: area 51. Il risultato del sondaggio lanciato a inizio mese mi suggeriva infatti di trovare un fidanzato proprio li, nella misteriosa area dove, si dice, siano nascosti degli alieni sui quali i servizi segreti americani conducono misteriosi esperimenti. Effettivamente non avevo idea di cosa avrei potuto portare con me. che ne so io di come si corteggia un alieno. a mala pena ci riesco con i ghei. poi si fa presto a dire alieno. di Marte? di Venere? O di qualcuno di quei pianeti talmente remoti che gli astrofisici in uno slancio di creatività hanno battezzato con un nome tipo Q 234. nel dubbio quindi mi sono rivisto tutte le puntate di Star trec e di Spazio 1999 (ricordo che ho 2 settimane di ferie da passare a casa, solo e senza avere nulla da fare). ho ripassato persino le colonne sonore di goldreic e gig robo d'acciaio ed ho imparato molte cose. Prima di tutte non credere mai ad un alieno che ti dice: "veniamo in pace". E' la volta buona che, sganasciandosi dalle risate, ti trasforma in un tizzo di carbone con un laser che gli parte dal mignolo. Seconda cosa: provare a congiungere i pugni lanciandosi dal motorino in corsa. In alcuni casi potresti trasformarti in un un robò imbattibile (utile in caso di ostilità da parte degli extravisitatori) in altri potresti farti 45 giorni all'ospedale per fratture multiple.

Quindi ieri sera vado alla GS, il supermercato dei ghei romani (GS, per i forestieri è la famosa Ghei Strit del colosseo) per salutare, forse per sempre, alcuni amici. E invece che mi succede? In zona Cesarini, ovvero verso le 11, 30, a ridosso dello scadere del ferragosto, non ti vado a conoscere un ragazzo? (in effetti a "riconoscere", ma adesso vado spiegare meglio la dinamica dei fatti).

La cosa è andata più o meno così. Ero appoggiato ad una macchina insieme ai miei amici ingozzandomi con il mais tostato del caming aut (o farei meglio a dire stagionato visto che aveva lo stesso sapore delle palline di naftalina anti tarme) quando lui passa. Io lo riconosco (perché anni addietro, come anticipato, c'avevo già "intruppato") e siccome lui mi è sempre piaciuto e mia madre mi ha educato bene, lo saluto. Mi guarda imbarazzato come a dire: Chicazzosei? E ci mette un minuto abbondante per rispondere, come se gli si fosse inceppato il circuito occhio-cervello-manina che fa ciao ciao.

Poco dopo, mentre io e i miei amici avevamo fatto un salto evolutivo nell'intrattenimento da strada lanciandoci mais stagionato in bocca come si fa con le otarie nei parchi acquatici, lui mi si piazza davanti con 2 suoi amici. sembravamo due squadre rivali di ragazze pon pon che si studiano a distanza ai campionati nazionali di cirliding. io lo guardo, lui, pare faccia lo stesso, ma potrebbe essere un filo strabico.

dopo la terza birra inizio a sentire un leggero bisogno di andare a cambiare l'acqua alle olive. E, barcollando (le birre erano du demon: 13° secchi che ti calano tra capo e collo come un colpo di tortore) raggiungo il bagno. esco e chi ti trovo ad aspettarmi? capisco allora che non è strabico ma mi stava guardando davvero.

"Noi ci conosciamo vero? Solo che non mi ricordo dove e come". Adoro quando sento dire così. Visto che ho una discreta memoria, io ricordo sempre tutto e questo mi da un'inebriate sensazione di controllo e potere sull'altro. Ti rendi conto che potresti dire qualsiasi cosa e l'altro ci crederebbe. gli ricordo dove e come (soprattutto come) e leggo nei suoi occhi la linea piatta dell'elettroencefalogramma. Un carattere debole, con poca stima di se (quindi il mio) a quel punto avrebbe potuto risentire del fatto di non aver lasciato la minima traccia nei suoi ricordi, poi penso al extrim meic over al quale mi sono sottoposto qualche mese fa e ci passo sopra. Insomma attacchiamo una chiacchiera fitta fitta. Lui mooolto carino, molto mediterraneo, più grande di me (il che ultimamente inizia ad essere un fatto raro, soprattutto alla GS) e, soprattutto, con l'abbonamento della Roma in tasca che su di me ha lo stesso effetto erotizzante che aveva su Geimi Lee Curts il russo parlato da Chevin Cleis ne "Un pesce di nome Vanda".

si fa tardi. le regole del nuovo me mi impongono di andare via senza darglielo (anche se ferragosto è appena passato e rischio di fare petting con il cadavere di un alieno dissezionato nei laboratori di Rusvel). Tengo comunque duro e lo saluto per andare via.

lui insiste per fare un giro in macchina. Questo mi riposta ai miei vent'anni quando mi infrattavo con chiunque in tutti i parcheggi di Roma ma ero giovane e dovevo fare esperienza. Accetto. Ovviamente mi porta in un bucio di culo inaccessibile che neppure i cani della Gestapo sarebbero riusciti a scovarci. Li gli concedo il dolce nettare delle mie labbra in baci rubati e fugaci, poi guardo fuori dal finestrino e vedo un tizio, calvo, tutto ricoperto d'oro con una spada appoggiata lungo il busto. guardo meglio e vedo che sta fermo impalato su un piedistallo sul quale c'è scritto "miglior attore per ruolo protagonista: Insy Loan".

Infatti mi giro verso il mio cavaliere e recito la battuta che mi vale il premio: "scusa, ma mi imbarazzo in macchina. Non sono abituato". Quindi mi faccio riportare verso il motorino con la promessa che ci saremmo risentiti l'indomani per un incontro più comodo e approfondito.

Secondo me non si farà vivo perché alla fine potrò non sapere come si rimorchia un alieno ma so che un ghei a cui non lo dai la prima sera difficilmente si farà vivo il giorno dopo.

14 commenti:

frontixx ha detto...

...grande report Insy... morivo dalla voglia di sapere come avessi passato il ferragosto... mi pare quindi di capire che l'opzione mamma è stata scartata... comunque la frase "scusa, ma mi imbarazzo in macchina. non sono abituato" voglio provare a dirla anch'io, prima o poi (diciamo che prima devo trovare uno che mi ci porti, in macchina... ahahah) ciauz

PS: oggi sono stato il millesimo visitatore del tuo blog... direi che merito un premio, tipo birrino la prossima volta che vengo a roma... si può fare??? guarda che se dici di sì poi me lo ricordo, eh...

frontixx ha detto...

...naturalmente ho le prove di quello che dico... ho salvato la pagina con il numero 1000...

Potevo Sposare Simon ha detto...

Stavo scrivendoti un commento molto fuffo ma.. poi è spartito tutto!! La vita è davvero effimera.. 'Na cifra.

PS. Più che "per caso" ti ho scoperto per disperazione. La disperazione di una colei che aborra l'estate (e tutto il relativo "merchandising".., n.d.a.) e che -non avendo nessunissima intenzione di spostarsi manco di un cm da sotto le pale del ventilatore forza 3- curiosa negli altrui spazi alla ricerca di forme di vita intelligenti.. Che aggiungere?! Sarà scontato e banale ma.. la missione può dirsi compiuta doct Spock! :)

Anonimo ha detto...

...non so se sia consolante ma:
1. anche un etero a cui non la dai la prima sera difficilmente si farà vivo il giorno dopo
2. non so come sia la casistica gaia però di solito c'è ampia possibilità che un etero non ti chiami ugualmente se gliel'hai data la prima sera
3. in quei rari casi in cui arriva la telefonata del day after, di solito i due si rivedono qualche altra volta finchè lui non tiene a precisare (non c'è niente da fare, gli scappa proprio...ma chi cazzo mai gli chiede niente?) che non potrà mai esserci niente di più visto come è iniziata e che se tu, donna, lo hai fatto con lui la prima sera, vuol dire che lo fai con tutti... insomma, tiene a dirti, con l'innata eleganza che lo contraddistingue, che sei un tegame manicato o, se ti sei prodotta in rumbe da guinness dei primati, una batteria di pentole 18/10 tipo quelle che pubblicizza in tv Giorgio Mastrota...


Ma negli anni '70 non c'era stata la rivoluzione sessuale? Li incontro solo io quelli che sono rimasti agli anni '50? io avrò sfiga però che palle 'sta gente che vive culturalmente il sesso in maniera così banale!

***

redrum ha detto...

no, senti. io te lo dico così, a cuor leggero. qui adesso devi scrivere il seguito, insomma cosa è successo oggi, entro le 24 di oggi giovedì 16 agosto.
che poi vado a dormire (ho la maschera anti-cchiaie già in frizer che mi aspetta: domani la gita in toscana prevede la partenza alle ore 7!!!!)

insomma, vi siete risentiti?vi siete rivisti? gliel'hai dato? RI-SPOS-TE (mi piace come ho diviso le sillabe, lo trovo molto creativo, no?)!

vabbe io attendo... intanto guardo si es ai su fox craim... tra l'altro pensavo a quel che hai scritto sugli alieni: sono certo che ne hai già conosciuta, di gente che ti ha detto "VENIAMO in pace" (cioè, lo spero!), no???

Andre ha detto...

ti ricordo solo una cosa: PASQUETTA! che aspetti a fare, concediti in un parcheggio e rompi l'incantesimo della strega cattiva...

sgriccio1001 ha detto...

ah...che sogno...in un parcheggio con uno che ha l'abbonamento della roma in tasca!...massimo rispetto, insy...ma io nn credo ce l'avrei fatta!
attendo trepidante la prossima puntata del feuilletton (come si scriverà?!)

Andre ha detto...

visto che non sei apparso su MSN e visto che non hai aggiornato questo blog secondo me il tipo si è fatto vivo... :)

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

ringrazio tutti voi. il tipo si è rifatto vivo ma era davvero loffio nei messaggi al punto che ho lasciato cadere. Ormai ho xxx anni e francamente mi ci vuole un po' di più per smuovermi ;)
INSY

Anonimo ha detto...

...si dice che chi smette di cercare inizierà a trovare...

Un bacio

***

sgriccio1001 ha detto...

Grazie Insy!! stavo iniziando a non dormirci alla notte pensando a cosa fosse successo...
una telenovela più succulenta di quelle di grecia colmenares!!

Fabrizio ha detto...

Beh visto che era loffio nei messaggi avresti dovuto si lasciar cadere...ma un pietrone sulla sua cervice. :D

INSY LOAN E LO STATO DELLE COSE ha detto...

X FABRIZIO: si, lasciamo perdere il grado di trucidità...
Ho visto il tuo filmato Pensa anche io ero la villag a ferragosto. strano non esserci visti, eravamo solo 15miliardi di persone (o forse sì..., hai dei taatuaggi sparsi da qualche parte?)

Fabrizio ha detto...

tatuaggi ne ho 3 sparsi in varie zone ma a roma e' dallo scorso capodanno che non scendo la vedo dura ;)