giovedì 2 agosto 2007

QUANDO I BUOI SONO ORMAI SCAPPATI DALLA STALLA.



Io credo alla buona fede di Casini. Sono certo che, al di la del suo divorzio e della sua nuova unione, sia una persona intrisa di morale e non di moralismo. Per questo oggi nel vederlo ritratto sui giornali, con il tampone in bocca e quell’espressione che sembra dire “guarda che mi tocca fare” mi fa un po’ tenerezza. Purtroppo però la trovata del test antidroga autoimposto è francamente troppo spudorata per avere una benché minima credibilità, anche da parte del più fervente elettore dell'Udc.
Qualche settimana fa stavo prendendo una scodella dalla rastrelliera dei piatti quando si sgancia la struttura e ne fa crollare a terra almeno una ventina. Istintivamente ho cercato di salvarne al volo qualcuno ma, alla fine, mi sono scivolati tra le mani e, inesorabilmente, mi sono ritrovo circondato da centinaia di cocci irriutilizabili. Casini e i suoi stanno cercando di fare lo stesso inutile, disperato, istintivo tentativo di salvare almeno un piattino da caffé. La vedo davvero dura.
Purtroppo più sono alti i valori di cui ci si mette a baluardo e più è facile cadere nella possibilità di tradirli.
Riuscire ad mantenere coerenza tra ciò che si predica e quello che si pratica è, per quanto mi riguarda, impossibile se si vive nel mondo. La tensione dell’uomo alla perfezione è un conto ma la convinzione di poterla realizzare è pura presunzione tanto più se si pensa che persino la Chiesa fa fatica a mantenere un’immagine coerente, sempre più indaffarata com’è a tappare a suon di milioni le pratiche ignominiose di alcuni, e ripeto alcuni, suoi esponenti.
Siamo tutti d’accordo che una sola mela marcia (lasciatemi passare la facilissima metafora) non necessariamente pregiudica la dirittura morale di un intero partito ma permettetemi di avere per questi giorni qualcosa su cui sogghignare con piacere e su cui poter puntare, con infantile compiacimento, un dito censorio.

3 commenti:

frontix ha detto...

... caro Insy, io è ormai qualche anno che diffido assolutamente di tutti i moralisti... nessuno escluso... scusa, non vorrei entrare in argomenti scomodi, ma... anche il papa con il suo sempre più affettuoso segretario... vedendoli non danno certo l'idea che tra loro ci sia un rapporto solo "professionale"...

Anonimo ha detto...

ma dai.... adesso...non vi sembra di esagerare? ti pare che uno bono come il segretario possa andere con ratiznger?

dario

frontix ha detto...

caro dario, ma che ti devo dire... sembra strano anche a me, ma se lo vedi in tv come è affettuoso e premuroso, e che confidenza c'è tra i due... certo non sembra propriamente un rapporto "di lavoro" capo/segretario...