giovedì 26 luglio 2007

FIGLINEVILLE E IL VILLAGGIO DEI BUONI SENTIMENTI.



Questo post è dedicato a chi non è cresciuto nel degrado di una periferia ma in un paese incantevole come il presepe di Greccio. A chi non litiga con i vicini di casa perché hanno tenuto lo stereo a tutto volume fino alle 4 del mattino ma che, al contrario, se ne ritrova altri sempre ben lieti di regalare un ciambellone appena sfornato. A chi si sveglia col sorriso sulle labbra piuttosto che con il ringhio tra i denti. A chi sul davanzale si ritrova accovacciati fringuelli canterini e non piccioni scacazzanti. A chi a lavoro ci arriva fischiettando sulla sua bella Sitroen Pluriel nera, senza dover dare l'arrembaggio al 71 stracolmo perché s’è ritrovato il motorino senza più parabrezza e fanale. A chi a pranzo trova tutto fatto dalla mamma e non mangia in una scodella di plastica riscaldata sullo schermo del pc. Insomma a chi vive nel fantastico mondo di Figlineville.

1 commento:

redrum ha detto...

si ma sai che noia, poi?
e poi i gargarismi che s'hanno da fà per avere quella voce lì???